Cerca

Il commento

Francesca Pascale: "La moglie di Renzi doveva lasciare il suo posto a un precario"

Francesca Pascale: "La moglie di Renzi doveva lasciare il suo posto a un precario"

"La moglie del presidente, invece di chiedere l'aspettativa, perché non lascia il posto a un precario della scuola?" Questa è la frecciata che Francesca Pascale ha lanciato alla moglie di Matteo Renzi, Agnese Landini, in un intervista su Repubblica. Nonostante lady Renzi abbia ripetuto più volte che sarebbe riuscita a coniugare lavoro, famiglia e i nuovi impegni politici, pochi giorni fa è arrivata la smentita. Agnese ha infatti deciso di chiedere l'aspettativa "per dovere nei confronti di mio marito e per il piacere di stare con i miei figli". Ma la Pascale non è d'accordo e la critica duramente; se lei si fosse licenziata, al suo posto sarebbe stato assunto un precario. Per la fidanzata di Silvio Berlusconi questa aspettativa non ha senso, "in fondo lei adesso sarà impegnata su altri fronti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    05 Giugno 2014 - 13:01

    La frecciatina va presa come tale, ma é evidente che la posizione della signora Renzi é ambigua... lei difficilmente rientrerà, il marito cercherà di tenere quel posto a colpi di "stai sereno" verso a tutti. Insomma uno che, sia pure per politica é sleale con un compagno di partito non lascia tranquilla una compagna di vita... visto lo staff femminile meglio stargli al pelo!!!

    Report

    Rispondi

  • donajou

    22 Marzo 2014 - 21:09

    deve fare la mantenuta come lei?Questa e la dignità di una donna,vorrei tanto sapere ma lei come passa il tempo?Che cazzo fà durante il giorno,la notte dorme ovvio.

    Report

    Rispondi

  • paola.magi

    22 Marzo 2014 - 19:07

    ma non lo sa la Pascale che prendere l'aspettativa significa lasciare il posto a un precario?

    Report

    Rispondi

  • andrimail

    22 Marzo 2014 - 13:01

    Ottima osservazione, la PAscale ha completamente ragione e chi le attribuisce l'epiteto di mignotta si qualifica da solo come emerito deficiente decerebrato, il popolo della sinistra che ha distrutto l'italia e continuera' a farlo..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog