Cerca

Chiedeva tangenti

"Sono Pietro Grasso", la truffa di un vigile

Pietro Grasso

Un caso di omonimia sfruttato per architettare una truffa da migliaia di euro. Un vigile di Reggio Calabria, di nome Pietro Grasso, affermava di essere un cugino del presidente del Senato. L'obiettivo? Estorcere soldi, chiedere tangenti. In cambio, il vigile truffaldino, offriva raccomandazioni, con tanto di documenti falsi che "certificavano" le sue truffe. "Dammi i soldi e ti faccio assumere" diceva alle vittime dei suoi raggiri, vantando conoscenze "alte" in politica, magistratura e addirittura nei servizi segreti.

Una "truffa certificata" - L'alto tasso di disoccupazione di Reggio Calabria - dove circa il 40% dei cittadini è senza lavoro - convinceva decine di disoccupati a pagare le tangenti, che variavano dai 5mila ai 15mila euro, con la speranza di poter ottenere un lavoro. Gli agenti di polizia che hanno scoperto la truffa hanno trovato nella sua abitazione una stamperia, con decine di documenti e certificazioni false. L'uomo è stato sospeso dal servizio come vigile urbano e ha ricevuto un avviso di garanzia.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • satanik

    24 Marzo 2014 - 17:05

    alvit ::: tu sei un idiota non c'è da indagare.

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    24 Marzo 2014 - 14:02

    Carlo feltroni suonatore di PIFFERI (ovviamente si dimentica in casa) fino a che si millanta nipotine di mubarak ma non si estorce o ruba denaro alpopolo. POI :Pd, indagati due parlamentari,l'accusa: "Associazione a delinquere e abuso d'ufficio"La procura di Messina indaga sull'onorevole Genovese, il cognato, il deputato regionale Rinaldi e altre nove persone. Nell'inchiesta i fondi per gli enti.

    Report

    Rispondi

    • feltroni ve le suona ancora

      24 Marzo 2014 - 16:04

      Ma roba da pazzi, un valoroso elettore del Partito Dei Latitanti che mi parla.di un rappresentante del.PD che ha rubato, quando dalle sue.parti politiche.ne.arrestano due al giorno. E infine per me chi ruba, sinistra o destra, deve finire in galera. voi li candidate...

      Report

      Rispondi

      • Bolinastretta

        24 Marzo 2014 - 18:06

        Vhe pifferaio che parla a vanvera: Ma voi chi?????? un valoroso elettore di chi ?'di cosa parli feltroni???? si parlava di chi m illantava - della nipotina di mubarak, e dei ladri del PD o PDL o varie forze politiche -sempre ladri sono!! ma non paragonarmi le palle del puttaniere, con i soldi che rubano i politici!!

        Report

        Rispondi

        • feltroni ve le suona ancora

          24 Marzo 2014 - 19:07

          E tu un parlamento che vota una. Cosa così palesemente falsa me la declassi rispetto al furto? Guarda che la deriva della politica arraffatrice, ha radici tra lo svilimento dell'incarico. Se uno vota che Ruby è la nipote di Mubarak, nel suo piccolo si sente autorizzato anche a rubare. Chi non ha vergogna a infangare le istituzioni non ha scrupoli. Ma tanto non hai capito anche ora...

          Report

          Rispondi

  • atlantide23-

    24 Marzo 2014 - 14:02

    Un nome che e' tutto un programma...evidentemente.

    Report

    Rispondi

  • bonavia

    24 Marzo 2014 - 13:01

    Ci sono le prove contro il vigile? Niente paura, lui non verrà mai allontanato tanto fino al terzo grado di giudizio continuerà a ricevere lo stipendio. E dopo troverà sempre un giudice dal cuore d'oro che lo reintegrerà con la forza del suo mandato. Amen.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog