Cerca

I miracoli di Farinetti

Il ristorante di Eataly recensito 5 mesi prima di aprire

Sulla guida de L'Espresso, pubblicata in autunno, anche "Alice" che ha aperto lo scorso weekend

Il ristorante di Eataly recensito 5 mesi prima di aprire

Più che di una "recensione", quella sulla guida ai ristoranti de L'Espresso è una "previsione" gastronomica. Ma persino questo riesce, nella sua onnipotenza, al patron di Eataly Oscar Farinetti. L'imprenditore amico di Matteo Renzi ha da qualche giorno inaugurato il suo nuovo negozio di Milano dove un tempo si trovava il teatro Smeraldo, in piazza XXV Aprile. Al suo interno si è strasferita una nota chef del capoluogo lombardo: Viviana Varese, che nel luccicante "supermercato" di Farinetti ha deciso di trasferire il suo ristorante "Alice". Luogo celebrato per la sua cucina da clienti e guide. Tanto che la guida de L?Espresso ai ristoranti 2014 ne canta le lodi, dandogli pure un ottimo punteggio: 15,5. Peccato che la guida con la recensione su "Alice" sia uscita lo scorso autunno. E il ristorante di Eataly abbia aperto le cucine solo nello scorso week-end.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gioch

    18 Giugno 2014 - 14:02

    Quanto sono in arretrato! Non ho ancora capito che cazzo fa il Farinetti e perchè tutti gli corrono dietro,lo osannano e lo invitano come commentatore.A me sta antipatico come la Boldrini.Mi pare uno spocchioso puzzone che nessuno osa toccare.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    18 Giugno 2014 - 13:01

    L'espresso è privato, e Farinetti è anche lui un privato. Scambio di favori tra privati di SX quindi, una chiara falsità targata ''cultura di sx'' quindi.... ma il giudizio per fortuna non è dei giudici statali che fanno il paio, per bassa efficenza, con tutte le altre categorie statali. Il giudizio è ECONOMICO e dei cittadini che sono molto più efficenti nel TRATTARE questi furbi.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    25 Marzo 2014 - 19:07

    la solita ''onestà'' intellettuale e pratica all'italiana.... cioè la monnezza della cultura in genere. Ma io non mi sento della stessa ''razza'' di questa gente, lo troverei troppo mortificante.

    Report

    Rispondi

blog