Cerca

Toga salvata

Processo Ruby, "la Fiorillo aveva diritto di smentire"

Ruby Rubacuori

Il principio è sempre lo stesso: se c'è di mezzo Silvio Berlusconi vale tutto. Soprattutto se la questione è giudiziaria. Soprattutto se c'è da tutelare la magistratura. La questione gravita attorno al processo Ruby, e nel dettaglio riguarda il pm dei minori del Tribunale di Milano, Annamaria Fiorillo, che fu "censurata" dal Csm per aver parlato alla stampa quando non avrebbe potuto farlo. Nel dettaglio, la Fiorillo smentì la ricostruzione offerta dall'allora ministro dell'Interno, Roberto Maroni, sulla notte del famoso affidamento di Ruby a Nicole Minetti. Maroni affermò che l'affidamento avvenne "su indicazione del pm dei minori di turno la sera del 28 maggio", ossia la Fiorillo. Una circostanza che è stata poi ritenuta falsa dal Tribunale di Milano nel corso del processo Ruby. Così la Fiorillo "reagì" spiegando la sua verità alla stampa (con due interviste e un comunicato stampa).

"Assolta" - Il pm dei minori, insomma, parlò dell'indagine in una sede in cui, secondo il Csm, non aveva diritto di farlo. Così la Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura l'aveva "censurata" per aver violato il diritto al riserbo, e quindi il dovere di imparzialità. Peccato però che ieri, lunedì 14 marzo, le sezioni unite della Cassazione hanno annullato la sentenza disciplinare del Csm, spiegando che la Fiorillo ha fatto bene a rompere il silenzio poiché c'era in gioco "la professionalità e l'onorabilità dei magistrati, nonché la loro autonomia e indipendenza". E poiché, proseguono le sezioni unite, "la verità raccontata dai media si sovrappone alla verità storica e si fissa nella memoria collettiva con un irrecuperabile danno all'onore", l'unica via percorribile sarebbe stata quella di rivolgersi ai media. Peccato però che, secondo il Csm, la Fiorillo, prima di parlare, avrebbe dovuto attendere la fine del processo. Ma tant'è. Per la toga nessuna sanzione, nessuna "cenusra". Se c'è di mezzo Berlusconi...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mabo20131938

    25 Marzo 2014 - 18:06

    Le dichiarazioni di Maroni sono sue e di nessun altro e sua è la responsabilità di ciò che ha affermato. La funzionaria di servizio alla questura ha affidato la ragazza alla CONSIGLIERA REGIONALE Nicole Minetti (vero BLU? la sua qualifica è successiva a ciò che era noto all'epoca e se io fossi al posto della Minetti una bella querela non gliela leverebbe nessuno) .

    Report

    Rispondi

    • blu521

      26 Marzo 2014 - 19:07

      E' acuto lei: le dichiarazione sono le sue. La Fiorillo è la PM dei minori, non funzionario della Questura, e non ha mai detto di affidare Ruby alla mignetti. Però, che bello sentire un giudice che decide sulla retroattività della fama. Se i bananas non ci fossero bisognerebbe inventarli

      Report

      Rispondi

    • blu521

      26 Marzo 2014 - 13:01

      Tesi interessante e nient'affatto minacciosa: un giudice per deliberare sulla retroattività della fama? I bananas ne sanno una più del diavolo! E poi dicono i bizantini

      Report

      Rispondi

  • edelman124

    25 Marzo 2014 - 18:06

    Non ci sarebbero commenti, c'è solo da vergognarsi ad avere una magistratura del genere. ma se non si vergognano loro....???????????????????

    Report

    Rispondi

    • blu521

      26 Marzo 2014 - 15:03

      Gente come lei è vergognosa. Dai suoi commenti si evince che non sa niente di quello che commenta, ma non si astiene da giudizi temerari

      Report

      Rispondi

    • blu521

      26 Marzo 2014 - 15:03

      L'unica vergogna è la gente come lei che, pur dimostrando di non sapere niente di quello che commenta, non si astiene da giudizi temerari

      Report

      Rispondi

  • antari

    25 Marzo 2014 - 14:02

    Io avrei scritto "Nel dettaglio, la Fiorillo smentì la ricostruzione FALSA offerta dall'allora ministro dell'Interno, Roberto Maroni, sulla notte del famoso affidamento di Ruby a Nicole Minetti. " Quello che voi tacete e' che Maroni ha MENTITO, o meglio ha fatto una FALSA RICOSTRUZIONE! Perche' non distinguere chi mente (maroni) da chi dice il vero (fiorillo)?

    Report

    Rispondi

    • edelman124

      25 Marzo 2014 - 18:06

      Peccato per te che Maroni abbia detto la verità , gli ha dovuto dare ragione anche il CSM

      Report

      Rispondi

      • blu521

        26 Marzo 2014 - 10:10

        Il CSM non ha dato ragione a maroni: ha censurato le dichiarazioni della Fiorillo perché rilasciate in una sede non opportuna, non perché non veritiere. Bananas confusionario

        Report

        Rispondi

        • antari

          28 Marzo 2014 - 12:12

          edelman124, ma almeno hai capito di aver detto una stupidaggine? O te lo si deve spiegare con i puntini sulle i? Facciamo cosi: tu ora vai a leggere, ti informi, capisci di aver scritto una fesseria e poi torni qui e ci dici come stanno le cose. Perche' litigare tra noi? Prima informati, poi parla!

          Report

          Rispondi

  • blu521

    25 Marzo 2014 - 14:02

    Fine del processo? Ma che dite? La Fiorillo smentì le cazzate che maroni raccontò alla Camera, che cioè la Questura, su indicazione del PM dei minori, avesse affidato Ruby a una mignotta. Ma i bananas non conoscono vergogna?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog