Cerca

Il virus Heartbleed

Fuga di dati dai social media: in pericolo dati bancari e carte di credito

Il virus, che si chiama "Heartbleed", sarebbe il più pericoloso da quando esiste internet

Fuga di dati dai social media: in pericolo dati bancari e carte di credito

Nuovo allarme sicurezza in Rete. E' stata infatti scoperta una falla che mette a rischio milioni di siti internet in tutto il mondo e con loro tutte le informazioni private degli utenti: dalle mail ai dettagli dei conti bancari o delle carte di credito. Il "bug" si chiama "Heartbleed". Tra i siti più vulnerabili ci sarebbero soprattutto Yahoo! e il suo social media Tumblr, e poi Flickr e Oculus, ma sarebbero a rischio anche Facebook e Amazon.

A lanciare l'allarme su quella che è la più grande fuga di dati in Rete della storia, sono stati sia un gruppo di ricercatori finlandesi che lavorano per una società di sicurezza di Saratoga, in California, sia due esperti della sicurezza di Google. Ad essersi 'rotto' sarebbe quella sorta di lucchetto (riconoscibile con la sigla 'https') che garantisce la protezione delle informazioni piu' sensibili di chiunque navighi sul web. La falla nella rete potrebbe rendere urgente un cambio di password per tutti gli utenti di Internet coinvolti, ma anche costringere i siti web interessati a cambiare le chiavi virtuali attraverso cui vengono criptati i messaggi e i dati scambiati tra i siti e i loro utenti o clienti. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raf1943

    09 Aprile 2014 - 14:02

    Abbiamo gli strumenti per rintracciare gli hakers?Se sì,facciamolo e subito!!Poi li andiamo a prelevare,costi quel che costi!Li buttiamo nelle più fedite celle e buttiamo le chiavi nel Tevere,per sempre!!Ecco cosa c'è da fare!!

    Report

    Rispondi

  • romamaccio

    09 Aprile 2014 - 13:01

    Carissimi amici del forum, mettiamoci l'anima in pace,la casta italiana comandata da quella burocratica bancaria europea, hanno condiviso di rapinare i nostri risparmi per garantirsi nel futuro i stessi privileggi che hanno sempre preteso fino a oggi!

    Report

    Rispondi

blog