Cerca

L'ordinanza

Berlusconi ai servizi sociali, i giudici: "Scemata pericolosità sociale, ma non parli male della magistratura"

Berlusconi ai servizi sociali, i giudici: "Scemata pericolosità sociale, ma non parli male della magistratura"

Sono servizi sociali ma assomigliano a un giudizio politico. I giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano hanno affidato Silvio Berlusconi ai servizi sociali, imponendogli almeno 4 ore alla settimana alla Fondazione Sacra Famiglia di Cesano Boscone, nel Milanese, ad assistere malati e disabili. In alcuni passaggi dell'ordinanza non mancano "avvertimenti" al Cavaliere, chiamato a mantenere un buon comportamento durante i 9 mesi delle misure alternative. In modo particolare si riferiscono alle "recenti esternazioni pubbliche fatte dal condannato nei confronti della Magistratura che sono offensive e manifestano spregio di questo ordine, ivi compreso di questo collegio". Se le ribadirà, il pg ha già avvertito che richiederà una pena più severa rispetto ai servizi sociali, cioè gli arresti domiciliari. "Tali comportamenti - è il monito dei giudici - ben potrebbero inficiare quegli indici di resipiscienza cui si è accennato, specialmente laddove reiterati in epoca successiva alla concessione dell’affidamento". I giudici insistono sull'importanza dei "concreti comportamenti tenuti durante l'esecuzione della pena che dovranno comunque mantenersi nell'ambito delle regole della civile convivenza, del decoro e del rispetto delle istituzioni; e ciò sarà richiesto a maggior ragione stando alla condizione sociale ed economica del condannato e al contesto culturalmente privilegiato" in cui vive. Resta, in ogni caso, il giudizio duro sul leader di Forza Italia: ha pagato le spese processuali e il risarcimento danni dopo la condanna per frode fiscale nel processo sui diritti tv Mediaset ed è stato lui a proporsi per l'assistenza a malati e disabili, e questi fatti "evidenziano la scemata pericolosità sociale di Berlusconi e appaiono indici di volontà di recupero di valori morali perseguiti dall'ordinamento". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parliamoneora

    16 Aprile 2014 - 09:09

    già, una volta un semplice ed innocente ricatto.! se non ricordo male, una volta e d ancora adesso,in vigore, esiste un reato che si configura in tal proposito, nessuno può permettersi di ricattare altrimenti, si finisce in carcere per estorsione e questo lo sanno benissimo i giudici che hanno commesso questo sopruso ma, per loro no! loro possono permettersi tutto, anche di imporre il silenzio ad

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    16 Aprile 2014 - 08:08

    @Paperino. Lei è già afflitto da demenza senile perchè non ha ancora capito che tra lei e il suo adorato c'è solo uno intelligente e,ahimè per lei,come da cartella clinica il demente è lei perciò il pannolone se lo faccia cambiare dal capocellula,pirla.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    16 Aprile 2014 - 08:08

    Non parlate male della magistratura perchè,in caso contrario, vanno a dirlo alla mamma....ma andate a cagare squallidi personaggi

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    16 Aprile 2014 - 08:08

    alla fine la verità è uscita, i giudici comunisti e amici di silvio lo hanno garaziato! evasione da 300 milioni restitutiti forse 3 o 4 , e paga con 4 ore di campagna elettorare in un ospizio!! ...è c'è chi ancora grida ai comunisti...sveglia!! vi stanno prendendo tutti per il culo...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog