Cerca

La lotta contro i batteri

Spazzolino e dentifricio: sei consigli per l'igiene orale

Spazzolino e dentifricio: sei consigli per l'igiene orale

Avete mai pensato a quanti microbi possono essere contenuti all'interno del vostro spazzolino da denti? Secondo un recente studio dell'Università di Manchester sarebbero almeno dieci milioni i batteri che ostacolerebbero quotidianamente la nostra igiene orale. E il dato preoccupante è che tra questi potrebbero esserci perfino l'Escherichia coli e lo stafilococco. E' per questo che l'edizione francese dell'Huffington Post ha deciso di divulgare sei consigli utili per la cura dello spazzolino e l'igiene orale.

1. Cambiare spesso spazzolino - La prima cosa da fare per evitare brutte sorprese è di sostituire regolarmente il proprio spazzolino. "Quando le setole iniziano a rovinarsi, dopo un arco di utilizzo intorno ai tre mesi, sarebbe meglio passare a un nuovo prodotto - ha ricordato Judith A. Jones, docente al dipartimento di Odontoiatria generale alla Boston University School of Dental Medicine -. Eliminando il vecchio spazzolino consente di sbarazzarsi di microbi indesiderati e garantire una miglior pulizia quotidiana".

2. Scegliere un dentifricio adatto - In secondo luogo è necessario informarsi sul tipo di dentifricio da utilizzare: "Bisogna sceglierne uno contenente triclosan-copolimero piuttosto che fluoro. Nella lotta ai germi questo fattore è importantissimo", ha spiegato l'esperta.

3. Non condividere spazzolino e dentifricio - Inoltre, per mantenere un'igiene sana è vietato condividere spazzolino e dentifricio con altre persone, perché "ogni membro della famiglia porta nella sua bocca già un certo numero di batteri. Per questo bisogna possedere un tubetto di dentifrico personale, per evitare contatti indiretti", ha precisato Ann Wei, chirurgo e dentista di San Francesco.

4. Pulire lo spazzolino - Oltre a questi primi consigli, è fondamentale sforzarsi di pulire lo spazzolino non solo sciacquandolo sotto l'acqua dopo aver lavato i denti. Un'immersione nel perossido idrogeno (acqua ossigenata) o in un colluttorio con agenti antibatterici è un passo in più verso l'igiene orale. "Personalmente lavo regolarmente lo spazzolino in lavastoviglie, soprattutto nel caso lo spazzolino sia caduto a terra o sia stato involontariamente appoggiato su superfici sporche", ha svelato la Jones, membro dell'American Dental Association.

5. Abbassare il copri WC - Il quinto consiglio dell'Huffington Post riguarda la tavoletta del WC: per evitare la diffusione di batteri bisogna abituarsi a mantenere abbassato il copri water. "I microrganismi, infatti, nel momento in cui tiriamo lo scarico - ha dichiarato Charles Gerba, professore di microbiologia e scienze ambientali all’University of Arizona College of Public Health – possono raggiungere tutte le superfici della stanza". Quindi, perché non fare questo passo in più?

6. No alla custodia per lo spazzolino - Ultimo consiglio, ma non per questo meno importante rispetto agli altri, eliminare l'abitudine di chiudere il proprio spazzolino in un contenitore chiuso, come la tipica custodia trasparente di plastica che potrebbe favorire la nascita di muffe. Inoltre, evitate - a fine lavaggio - di posizionare gli spazzolini di tutta la famiglia in uno stesso recipiente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog