Cerca

La classifica

Pensionati in fuga: le 10 mete migliori per vivere bene

Pensionati in fuga: le 10 mete migliori per vivere bene

Pensionati e felici. "Paghiamo i medicinali molto meno che in Italia, Fuerteventura è poi una terra aspra e bellissima con un clima sempre primaverile. Che dire, siamo fortunati". Mirta e Rino sono due pensionati che hanno scelto la Spagna per trascorrere la loro terza età dopo aver chiuso con il lavoro. Come raccontano al sito voglioviverecosì.com, hanno avvertito l'esigenza di lasciare l'Italia per vivere dignitosamente con la loro pensione. "Il futuro ora ci spaventa meno", dicono. Non sanno però che i loro connazionali a Panama vivono ancora meglio: è questa la meta dove i pensionati vivono meglio.

Le mete - Il magazine International Living, ogni anno stila una classifica dei posti dove ritirarsi dopo la pensione. Nella lista del 2014 sono considerate diversi parametri tra cui i prezzi al consumo, esenzioni statali, sanità, costo della vita. E così emerge che Panama è l'approdo più comodo per i pensionati, con un punteggio del 91,2. Seguono Ecuador (91,1) e Malaysia (88,5).

La grande fuga - Con sei nazioni nelle prime dieci, il Sud America è il continente che offre la maggiore serenità agli anziani. Nella classifica di International Living c'è anche l'Italia, quattordicesima. Alla voce divertimenti (punteggio 98) è seconda solo alla Francia, ma la crisi si fa sentire e così sconta una forte penalizzazione nei prezzi al consumo e sul costo della vita. Ai pensionati italiani visti questi dati non resta che la fuga all'estero. Come certifica l'ultimo rapporto Istat, sono 483mila le pensioni erogate all'estero. I nostri anziani, proprio come i giovani, fuggono dalle città italiane a causa del potere d'acquisto abbattuto dalla crisi economica.

Le 10 mete migliori per vivere bene in pensione
Guarda la gallery su Liberoquotidiano.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alkhuwarizmi

    07 Maggio 2014 - 19:07

    Fate male ad illudere genericamente i pensionati da 1000 euro al mese. Primo: per vivere occorre un'abitazione, e tutto ciò che ad essa è collegato; fate un'indagine sui prezzi e poi ne riparliamo. Secondo: le condizioni di vita, i servizi etc. Chi è quel pazzo che va a vivere nei paesi islamici, in India, in Venezuela, in Tailandia e così via, in mezzo ai selvaggi, bande di ribelli e narcos?

    Report

    Rispondi

  • VincenzoAliasIlContadino

    01 Maggio 2014 - 15:03

    Vivere all'estero che li possino ammazzà SMEmo che esiste quella malattia invisibile e subdola che si chiama, credo, melanconia? Io ci ho provato ma non è tutto oro che luccica. L'Italia sarà pure Governati da Giustizialisti di Sinistra e Cattolici che votano Comunista ma a me piasce e, vaffa a cchisti e cchilli...che li possino ammazzà?Torquato (Enrico Montesano) https://www.youtube.com/watch?v=m

    Report

    Rispondi

  • 01 Maggio 2014 - 06:06

    segnalo a tutti i pensionati come me Taiwan, raggiungibile dall'Italia con €1000 di biglietto aereo A/R: la vita costa la meta' e il cibo ancor meno, iva al 10% irpef al 20% massimo, i treni puntuali, i metro' bellissimi e che costa 0.1€, sicurezza personale 100%, tassisti che rifiutano (??!!) la mancia, nessuno che cerca di fregarti se non parli cinese, tutti capiscono molti parlano bene l'ingles

    Report

    Rispondi

  • Leopoldo1

    30 Aprile 2014 - 20:08

    Non c'è nessuna convenienza a conti fatti. Non esiste nessun paese al mondo che abbia un tenore di vita avanzato che possa offrire vita da nababbi con una pensione. Avrai dei vantaggi e degli svantaggi con l'aggravante che sei lontano dagli affetti familiari e dagli amici. Una bottiglia di vino la paghi cara ovunque la coca cola costa uguale dovunque ecc....

    Report

    Rispondi

    • marcopezzi

      01 Maggio 2014 - 10:10

      Le consiglio di informarsi prima di scrivere stupidaggini: mia madre pensionata da fame in Italia ora vive con me alle Canarie. Affitto inferiore, assenza di riscaldamento, generi alimentari un 30% in meno per non parlare di ristoranti, bar e divertimenti vari. Dire che ha migliorato la sua vita è un eufemismo. Evidente che Lei parla per sentito dire e non per esperienza personale. Buena suerte..

      Report

      Rispondi

      • plaunad

        01 Maggio 2014 - 18:06

        Mi spiace per lei ma il Sig. Leopoldo1 ha rafgione. Conosco come le mie tasche Tenerife e le posso assicurare che il costo della vita é identico al nostro (salvo ovviamente il riscaldamento). Certo che se lei come fanno molti stranieri va a vivere in qualche baracca isolata l'affitto sarà meno caro. Ma per il resto nessuna differenza. Generi alimentari meno 30% ????? Ma dove ??????

        Report

        Rispondi

        • marcopezzi

          01 Maggio 2014 - 21:09

          famtastico...Lei la conoscerà come le proprie tasche ma io ci vivo da 15 anni. Le garantisco e le riconfermo tutto...evidentemente se rientrate in quella categoria di pseudoturisti da spennare che non sanno lo Spagnolo e si credono furbi non mi stupisco che consideri il costo della vita identico. Ps per Sua info vivo in una villa a schiera a 400mt dal mare. Patetici.

          Report

          Rispondi

Mostra più commenti

blog