Cerca

Rimini

Federico Aldrovandi, applausi per gli agenti condannati. La madre: "Rivoltante"

Federico Aldrovandi, applausi per gli agenti condannati. La madre: "Rivoltante"

Al congresso del nazionale del Sap, sindacato autonomo di Polizia, cinque minuti di applausi e delegati in piedi hanno accolto l'arrivo di Paolo Forlani, Luca Pollastri e Enzo Pontani. I tre agenti, il 21 giugno del 2012, erano stati condannati dalla Corte di Cassazione, insieme alla collega Monica Segatto, a tre anni e sei mesi per la morte del 18enne Federico Aldrovandi. Il giovane aveva perso la vita il 25 settembre del 2005 a Ferrara, in seguito di un pestaggio dopo un controllo. La pena carceraria, per via del condono, è stata ridotta a 6 mesi e 4. Così, nei mesi scorsi, i poliziotti sono stati riammessi in servizio con incarichi impiegatizi e lontano da Ferrara. 

"Una cosa rivoltante" - Oggi, martedì 29 aprile, i tre uomini hanno preso parte al congresso riminese. Al loro arrivo, come detto, i delegati si sono alzati in piedi e i colleghi li hanno salutati con cinque minuti d'applausi. Patrizia Moretti, la mamma di Federico Aldrovandi, raggiunta telefonicamente dall'Ansa, non ha nascosto il suo sdegno per l'accaduto: "E' terrificante, mi si rivolta lo stomaco - ha commentato - Cosa significa? Che si sostiene chi uccide un ragazzo in strada? Chi ammazza i nostri figli? E' estremamente pericoloso".

Chiamata del premier - In serata si è appreso che il premier, Matteo Renzi, ha telefonato alla madre di Aldrovandi per esprimerle la sua solidarietà. Alla presa di posizione del premier si sono associati i vicesegretari del Pd, Deborah Serracchiani e Lorenzo Guerini, che hanno espresso la loro totale vicinanza alla signora Patrizia dopo la vicenda avvenuta nel pomeriggio.

Alfano fa saltare l'incontro - «È un gesto gravissimo e inaccettabile e ancor più grave e inaccettabile perchè compiuto da uomini che con la loro divisa rappresentano lo Stato e non possono disconoscere il senso di una sentenza passata in giudicato». Ai microfoni del Gr Radio1, il ministro dell’Interno Angelino Alfano giudica così gli applausi del convegno del Sap ai colleghi riconosciuti colpevoli del pestaggio mortale di Federico Aldrovandi. «Il primo gesto che compirò - annuncia Alfano - è quello di revocare l’appuntamento che avevo dato al Sap per martedì prossimo».

Il post di Salvini - Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, ha invece scelto di commentare l'accaduto postando un messaggio sul suo profilo Facebook: "Polemiche contro i POLIZIOTTI del Sap che hanno osato applaudire dei loro colleghi condannati. IO STO CON I POLIZIOTTI, con i Carabinieri, e con chiunque rischia la vita per difendere i Cittadini".

Pansa incontra la mamma - Da parte sua Alessandro Pansa, il capo della Polizia, dopo aver definito "vergognosi" gli applausi tributati dal congresso Sap agli agenti condananti ha chiamato la mamma di Federico Aldrovandi per esprimergli tutta la sua sua solidarietà. A rivelarlo è la stessa Patrizia Moretti: «Mi ha telefonato e mi ha proposto di vederci tra qualche giorno», ha detto a SkyTg24.

Il Siulp contro il Sap - "Condivido le dichiarazioni del ministro Alfano e del capo della polizia, per i poliziotti il rispetto e la sacralità della vita sono un elemento irrinunciabile per lo svolgimento del nostro lavoro". Felice Romano, segretario generale del Siulp (Sindacato italiano unitario lavoratori polizia), commenta così gli applausi durante l’assemblea del Sap agli agenti condannati per l’omicidio Aldrovandi. "Per noi la vita è sacra anche quando ci troviamo di fronte a criminali efferati e persino quelli che hanno procurato stragi nel nostro Paese", spiega. Noi non siamo giudici ma poliziotti, professionisti della garanzia della legalità. E ogni volta che si perde una vita umana vuol dire che tutta la collettività ha perso, che abbiamo fallito sia nella missione di educazione alla  legalità sia nel sistema di prevenzione e repressione che ogni democrazia deve avere". "Per chi ha scelto di essere uomo dello Stato", rimarca il sindacalista - come me e come tutti i poliziotti è una cosa devastante quando si perde una vita umana perchè c’è oltre al lutto e al dolore dei familiari che hanno perso quella vita c’è anche la devastazione di chi deve rispondere, prima ancora che ai familiari della vittima e alla giustizia, alla propria coscienza, ai propri figli e alla propria famiglia".

"Via la divisa" - A sostegno della madre e dei parenti della vittima, è nato anche  un movimento dal nome Via la divisa che ha più volte chiesto la radiazione di quegli agenti dall'ordine. Una richiesta più volte ribadita dalla stessa Moretti. "Di come morì Federico si sa tutto, ormai. Ma manca ancora una parte fondamentale. Il perché. Loro (gli agenti, i funzionari della Questura, ndr) lo sanno. Io no", aveva spiegato la madre nel libro dedicato al figlio e intitolato Una sola stella nel firmamento.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolo1

    01 Maggio 2014 - 14:02

    @ulambator,una donna ,che si ha avuto il figlio morto va si compiatita ma fini a quando?ogni volta che viene ricordata questa storia coinvolge tutti,dal capo della poliza fino al presidente della repubblica,passando per i presidenti di camera e senato,oltre alla panoplia dei politicanti vari!ma ho l'impressione che più che giustiza (che ha già avuto) voglia vendetta!

    Report

    Rispondi

  • gigi primo

    01 Maggio 2014 - 10:10

    Se la 'gente' non accetta una sentenza se una giuria popolare, anche se televisiva, ribalta il giudizio di un giudice (verdetto finale, rai1), forse significa che il testo di legge non è più valido? o che il giudizio del giudice non è accettato, ma è il popolo che il giudice rappresenta? o solo se stesso? perché, nel processo penale, il presidente del tribunale entra in camera di consiglio ?

    Report

    Rispondi

  • stefano.greci

    01 Maggio 2014 - 03:03

    A parte gli idioti che pensano che i poliziotti guadagnano 600.000 euro all'anno credo che in fin dei conti sia morto un drogato che a quell'ora poteva stare a casa come tutte le persone per bene. I poliziotti hanno esagerato? può capitare. Non fanno i gelatai che se sbagliano fanno un gelato più grande o piccolo. Vorrei che tutti i criticoni facessero uno stage in somalia prima di criticare.

    Report

    Rispondi

    • antari

      12 Giugno 2014 - 01:01

      drogato sara' stato tuo padre, semmai, 9 mesi prima della tua nascita

      Report

      Rispondi

  • ulanbator10

    30 Aprile 2014 - 22:10

    Ma perche' nessuno dice che l'intenzione di uccidere non c'era.I poliziotti sono stati condannati per omicidio colposo. Inoltre a me sembra che la madre non sia per niente distrutta dal dolore, ma sia permeata da una terribile rabbia, perché cerca di convincersi che la colpa di tutto quello che era suo figlio è colpa di qualcun altro compresa la morte,in circostanze ,diciamo non chiare

    Report

    Rispondi

    • antari

      01 Maggio 2014 - 10:10

      "diciamo non chiare"? Ma a che pro dir fesserie?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog