Cerca

Violenze all'Olimpico

Scontri Coppa Italia, il pm: "Con De Santis, un commando di almeno 4 persone"

Scontri Coppa Italia, il pm: "Con De Santis, un commando di almeno 4 persone"

Daniele De Santis non era solo. I pm, dopo aver ascoltato i testimoni, ne sono convinti. Sabato 3 maggio, a pochi minuti dal match finale di Coppa Italia allo stadio Olimpico tra Napoli e Fiorentina, ad assaltare il bus carico di tifosi biancoazzurri con sassi e petardi, potrebbe essere stato un commando. Insieme all'ex ultrà romanista, quindi, ci sarebbero state almeno altre 4 persone: "Tutte col casco", secondo le testimonianze. Il gruppo si sarebbe diviso dopo le prime reazioni dei napoletani.

Chi ha sparato? - De Santis, raggiunto da un primo gruppo di supporter, avrebbe sparato 4 colpi colpendo il 27enne Ciro Esposito (in seguito ricoverato al policlinico Gemelli di Roma). "Ha sparato solo De Santis", scrive il gip di Roma nell'ordinanza che dispone l'arresto dell'uomo. Sulla vicenda degli scontri, e della trattativa tra il giocatore del Napoli Hamsik e l'ultrà Genny a' carognaè voluto tornare anche il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che, incontrando il presidente della Figc Giancarlo Abete. ha dichiarato: "Le società calcistiche devono rompere i legami con questi aggregati che vengono chiamate tifoserie con capi che si pongono nel mondo della criminalità".

Paura per Roma - Juve - Il prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro, dopo aver consultato la Lega Calcio, l'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive e i rappresentanti provinciali delle forze di polizia, ha fissato l'orario d'inizio della partita Roma-Juventus di domenica 11 maggio alle 17.45

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    08 Maggio 2014 - 17:05

    Bravo Napo orso capo. Lui odia la violenza, tollera solo quella in Ungheria coi carri amati.

    Report

    Rispondi

blog