Cerca

A Cesano Boscone

Silvio Berlusconi, iniziano i servizi sociali: un esagitato lo contesta

Silvio Berlusconi

Dopo la sventata aggressione e la visita a Cesano Boscone, Silvio Berlusconi racconta il suo primo giorno ai servizi sociali. Il Cav parlando a Telelombardia ha raccontato la sua esperienza che giudica positiva: "Ho fatto tante battute e mi sono messo a disposizione di chi ha più bisogno. Sono state quattro ore e mezzo intensissime. Credo di essere stato di disturbo per loro, spero di recuperare la prossima volta. La cosa che mi ha colpito di più è stata la dedizione delle persone che stanno accanto a questi malati. Ho trovato una umanità straordinaria. L’alzhaimer è una brutta cosa".

Questo è stato il grande giorno per i fan delle manette e per tutti gli alfieri dell'antiberlusconismo. Pochi minuti dopo le 9.30 Silvio Berlusconi è arrivato a Cesano Boscone, in provincia di Milano, per il suo primo giorno di affidamento ai servizi sociali. Il Cav arriva a bordo di un Audi all'istituto Sacra Famiglia, la struttura alla quale è stato assegnato in prova dopo la condanna nel processo Mediaset. Fuori dall'istituto una selva di microfoni e telecamere, giornalisti da tutto il mondo. E nella Cesano Boscone di Massimo Tartaglia, il folle che colpì Berlusconi in faccia con una statuetta del Duomo nel 2010, si è distinto un altro esagitato. Bandana gialla in testa (bandana grillina?), il folle ha cercato di superare le transenne, ma è stato subito bloccato dalla forze dell'ordine.

Il sindacalista - L'uomo, come un provetto ultrà delle manette, continuava ad urlare a squarciagola: "Noi italiani abbiamo un sogno nel cuore, Berlusconi a San Vittore". Il Cav, in pochi secondi, ha dribblato tutti, giornalisti e curiosi, ed è entrato alla Sacra Famiglia. Dunque l'esagitato ha conquistato l'attenzione di tutti i cronisti, raccolti attorno a lui per narrarne la "performance". L'agitazione, però, grazie all'intervento delle forze dell'ordine è presto rientrata. Il personaggio che ha contestato Berlusconi, si è poi appreso, si chiama Pippo Fiorito, ed è un rappresentante dei Comitati unitari di base dell'istituto, ossia un sindacalista della struttura dove il Cav ha iniziato la sua attività di sostegno ai malati di Alzheimer (Berlusconi ha concluso il primo incontro poco prima delle 14, senza rilasciare dichiarazioni). Fiorito ha tuonato: "Lotteremo finché Berlusconi non se ne andrà" dall'istituto Sacra Famiglia, e quindi ha dato appuntamento alla stampa per il prossimo venerdì, quando il leader di Forza Italia tornerà a Cesano Boscone.

"Non posso parlare" - Una volta terminata la prima giornata nella struttura di Cesano Boscone, all'uscita, il Cavaliere si è fermato con una sua supporter. La sostenitrice lo ha bloccato mentre procedeva in auto, così l'ex premier ha fatto fermare la vettura, ha aperto lo sportello e ha salutato la fan, spiegandole: "Mi chiedono di non fare nessuna dichiarazione". Insomma, il Cav non può parlare, e una conferma era arrivata anche poco prima, quando Berlusconi ha risposto sbrigativamente a un cronista: "Come va? Bene, grazie". E poi via, a bordo dell'auto.

Cesano Boscone, MI, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigifassone

    10 Maggio 2014 - 16:04

    2° invio : Io sono convinto da un bel pezzo che la presenza di Berlusconi alla Sacra Famiglia farà un gran bene sia a lui che ai pazienti. E se per caso ci fosse ,tra codesti,uno o una che lo detesta,potrebbe anche cambiare opinione al termine della "pena"...

    Report

    Rispondi

  • brontolo1

    09 Maggio 2014 - 17:05

    un comunista 8di merda!) che dice "noi italiani"?ma se loro (i comunisti) sono sempre stati prima comunisti e poi italiani?ma che prima di proferire le parole "Italia" e "italiani",si sciacqui la bocca con la candeggina!

    Report

    Rispondi

    • Chry

      09 Maggio 2014 - 23:11

      E se fosse prima in italiano e poi un comunista... ahahah

      Report

      Rispondi

  • jborroni

    09 Maggio 2014 - 16:04

    se l'avessero messo ai domiciliari si sarebbe risparmiato ste figure e noi avremmo risparmiato I soldi per la scorta a questo ex senatore, ex presidente del consiglio, ex cavaliere ed ora solo un por umet

    Report

    Rispondi

  • yaaa

    09 Maggio 2014 - 16:04

    Chiaramente una foto del signore in questione che facesse capire quanto fosse innoquo non l'avete messa, bravi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog