Cerca

Il processo

Dell'Utri, la Cassazione conferma la condanna a sette anni per l'ex senatore

Dell'Utri,  la Cassazione conferma la condanna a sette anni per l'ex senatore

Ultimo atto per il processo a Marcello Dell'Utri. L'ex senatore di Forza Italia è stato condannato a sette anni in Cassazione per concorso esterno in associazione mafiosa. Accolta in pieno dunque la richiesta di Aurelio Galasso, pg di Cassazione, che aveva chiesto la conferma del verdetto dell'Appello. Il 25 marzo del 2013 infatti la Corte d'Appello di Palermo lo aveva condannato a sette anni di reclusione. Dell'Utri in questo momento è agli arresti in Libano e il governo italiano ha già inoltrato la richiesta di estradizione. Secondo Galasso: "I contatti tra cosa nostra e Marcello Dell’Utri – agli arresti in Libano – non si sono mai interrotti e si sono protratti senza soluzione di continuità” dal 1974 fino al 1992". Lo ha sottolineato nella sua requisitoria, il pg della Cassazione Aurelio Galasso rilevando che la Corte d’Appello di Palermo ha dato “adeguatamente” conto del protrarsi di questi rapporti e dei pagamenti per la mafia tramite Dell’Utri.

Il processo - Il caso giudiziario di Marcello dell’Utri dura da 20 anni. Era infatti il 1994 quando la Procura di Palermo avviò le indagini per mafia sull’ex senatore, che fu rinviato a giudizio nell’ottobre del 1996. Il primo processo, aperto il 5 novembre del 1997 davanti al Tribunale di Palermo, presieduto da Leonardo Guarnotta, era durato sette anni e si era concluso l’11 dicembre del 2004 con la condanna dell’imputato a nove anni per concorso esterno in associazione mafiosa, più due anni di libertà vigilata, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento per le parti civili, il Comune e la Provincia di Palermo.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    10 Maggio 2014 - 13:01

    Condanna già scritta specialmente dopo l'arresto di Scajola. A coloro che subito si scagliano contro Scajola dico solo tre cose: 1) Ma secondo voi se uno fosse davvero un mafioso lo condannerebbero a soli 7 anni? 2) Informatevi su chi erano gli inquirenti. 3) Come disse Gesù Cristo "Chi è senza peccato, scagli la prima pietra." E nè voi nè i giudici possono di certo scagliarne.

    Report

    Rispondi

    • iltrota

      10 Maggio 2014 - 16:04

      RaidenB, curati!!! Cambia ospizio e vai alla Sacra Famiglia: si sa mai che un incontro con Silviazzo ti guarisca un po'...dopodiche lo faranno pure santo !!! Bananas.....

      Report

      Rispondi

    • yaaa

      10 Maggio 2014 - 16:04

      Che tempo fa a Cesano Boscone signor Raiden ? Al suo reparto (quello della demenza senile) si è visto Berluscooni ?

      Report

      Rispondi

    • yaaa

      10 Maggio 2014 - 16:04

      Che tempo fa a Cesano Boscone signor Raiden ? Al suo reparto (quello della demenza senile) si è visto Berluscooni ?

      Report

      Rispondi

  • spadino65

    10 Maggio 2014 - 10:10

    faremo ricorso al consiglio intergalattico....qui sulla terra sono tutti giudici komunisti......

    Report

    Rispondi

  • cittadinoqualun

    10 Maggio 2014 - 09:09

    Qualcuno della Redazione di "Libero" potrebbe gentilmente informare i colleghi de "Il Giornale" di questa notizia? Forse si sono distratti, ma sul loro sito internet non compare nulla (alle 9:58).

    Report

    Rispondi

  • antari

    10 Maggio 2014 - 01:01

    Nulla di nuovo. Dell'Utri mafioso e' e tale resta. Un biasimo a tutti i polli che lo hanno votato e una pernacchia agli scemi che ancora oggi lo difendono.

    Report

    Rispondi

    • ciannosecco

      10 Maggio 2014 - 16:04

      Dell'Utri condannato per concorso esterno,ma solo fino al 1992 e neanche in modo continuativo.A Strasburgo si stanno già facendo delle risate.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog