Cerca

nemesi

Il nuovo patron del Livorno è un ex parà berlusconiano

A Stefano bandecchi le redini della squadra toscana, la cui tifoseria è la più "rossa" d'Italia

Il nuovo patron del Livorno è  un ex parà berlusconiano

Anni, o meglio decenni, a cantare Bandiera rossa e a sventolare sugli spalti bandiere con la falce e martello e Che Guevara. E poi la nemesi: a guidare la squadra arriva uno che ha più volte dichiarato di aver sempre votato Msi prima di passare berlusconiano. Accade a Livorno, squadra che vanta la tifoseria più "rossa" del calcio italiano e forse d'Europa in una città dove politicamente la sinistra è sempre stata fortissima. Il neo-patron livornese si chiama Stefano Bandecchi, è stato parà in missione in Libano ed è un imprenditore attivo nel campo della ristorazione. Ma la sua passione è la politica. Peccato, per i tifosi del Livorno, che lui "straveda" per l'altra parte: in città, qualche anno fa, si candidò al Comune con Berlusconi, a Roma ha fondato il Movimento Unione italiano per sostenere Gianni Alemanno (0,19% dei voti). "Non sarò certo io a offendermi se sentirò cantare Bandiera rossa allo stadio: è una canzone emozionante perchè parla di lavoro" dice a La Stampa. Ma, a offendersi, potrebbero essere gli altri, quelli che alle partite stanno in curva, che sul muro dello stadio hanno già appeso uno striscione di "benvenuto" al nuovo proprietario: "Bandecchi attento... a Livorno fischia ancora il vento". Chissà se arriverà anche la bufera.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • etano

    12 Maggio 2014 - 10:10

    Ma perché non hanno nominato il pervertito compagno di merende al concime Vendola? Lui il soldi li ha evidenti. Ha fatto un buco nella sanità pugliese di 17 milioni di euro e ha ricevuto 5 avvisi di garanzia perché indagato per reati vari nonostante la sua blindatura per amicizie con vari magistrati rossi esclusa una che, non essendo rossa e avendolo indagato per corruzione, fu silurata.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    11 Maggio 2014 - 22:10

    occhio livorno e' iniziato il grande bluff. e no giornalai del cazzo,adesso dovete spiegarci come uno che svolge missioni di pace e percepisce uno stipendio da come circolavano le cifre si aggira sui 10.000 euri al mese,possa diventare presidente di una societa' di calcio di serie a. adesso lo dovete spiegare o devo dedurre che sono soldi riciclati dal libano, forza belpietro spiegaci l'arcano.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    11 Maggio 2014 - 21:09

    ma se questo signore faceva il para' ed era stipendiato,dove cazzo ha preso i soldi per comprare il livorno? a meno che non fa' il paraculo.

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    11 Maggio 2014 - 21:09

    dove' che faceva le missioni da para? in libano? ecco il motivo che tutti i mafiosi del nano vanno in libano,il sig.banbecchi altro che missioni,si occupava di preparere asilo ai pregiudicati del suo partito e del suo padrone.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog