Cerca

Una seconda possibilità

Offerta di lavoro per Erika:
"La assumo come segretaria"

L'imprenditore reatino Flavio Di Vittorio pronto a fare un contratto a tempo indeterminato alla ragazza della strage di Novi Ligure: "Ho due figlie come lei, mi ha commosso"

Offerta di lavoro per Erika:
"La assumo come segretaria"

 

di Antonella Luppoli

Lui, Flavio Di Vittorio, è un piccolo imprenditore di Rieti. Lei è Erika De Nardo, quella della strage di Novi Ligure. Cosa li lega? Non una storia d’amore, ma un grande gesto di solidarietà. Il signor  Di Vittorio si è quasi commosso  leggendo una delle ultime interviste rilasciate da Erika ai media, nella quale la ragazza confidava: «Non ne posso più, c’è sempre qualcuno che mi riconosce e mi tormenta. Non posso neppure lavorare». E a offrirle  un lavoro ha deciso di pensarci lui, attraverso Libero: «Ho una segretaria - spiega l’uomo - che è appena andata in maternità, quindi ho bisogno di una persona che prenda il suo posto». E non solo per il tempo della sostituzione: «Terrei Erika anche dopo il  rientro della mia dipendente». 

Il cinquantaquattrenne rietino offrirebbe alla De Nardo una vera occupazione nella sua «Euroservizi s.r.l.», un’impresa che opera nel settore dell’edilizia. L’azienda è nata nel 1997, quattro anni prima che la giovane - ora ventinovenne - si macchiasse dell’omicidio della madre Susy,  uccisa con 57 coltellate a 41 anni, e del fratellino Gianluca, che di anni ne aveva solo 11. Il tutto con la complicità del fidanzatino adolescente Omar Favaro. L’eco mediatico della vicenda fu  enorme. Erika da allora in poi è stata classificata come una pluriomicida, la «lei» della coppia folle di Novi Ligure. Ma oggi la primogenita dei De Nardo è fuori dal carcere. Ha vissuto gli ultimi anni nella comunità «Exodus» di don Mazzi, alla quale è rimasta molto legata e dove ha trovato la voglia di rimettersi in gioco. Ricominciare. Quale  occasione migliore di quella offerta dal signor Di Vittorio? Proprio quest’ultimo, con l’accento romano che lo contraddistingue, specifica che il suo slancio è privo di qualsiasi secondo fine. «Non voglio farmi pubblicità, non è nel mio interesse. Ho due figlie anch’io - spiega - una di 27 anni e l’altra di 21 e se avessero commesso lo stesso errore fatto da Erika, ringrazierei infinitamente chi decidesse di dare loro una seconda possibilità». Prosegue: «Anni fa mi sono separato da mia molgie, e le mie figlie ne hanno molto sofferto. Questo sarebbe un modo per riscattare me stesso da quel senso di colpa che mi accompagna quotidianamente per il dolore che ho loro arrecato». Insomma Di Vittorio, come molti papà separati, non è riuscito a godersi al cento per cento le figlie e adesso vorrebbe «recuperare» con un grande atto di altruismo.

Sul mercato del lavoro, la domanda e l’offerta sembrano oltretutto coincidere. Erika infatti chiede di poter lavorare per poter iniziare a fare una vita normale, uguale a quella dei suoi coetanei. Ne ha il diritto - sostiene - perché ha scontato la sua pena e nel mentre si è anche laureata in Filosofia con il massimo dei voti. Il suo debito con la giustizia è estinto. Erika è entrata in prigione sedicenne e ne è uscita 15 anni più tardi, totalmente cambiata. Adesso, le interviste dipingono  una donna educata, riservata, particolarmente intelligente, amante della natura e degli animali. È pronta, stando a chi l’ha seguita negli ultimi mesi,  a riappropriarsi della sua vita  dopo averla quasi distrutta in una notte di sangue e follia. Erica deve anche  ricostruire il rapporto con il padre Francesco, che le ha già concesso il suo perdono, così come aveva fatto la madre, poco prima di morire sotto le sue coltellate.

Dal canto suo l’imprenditore Di Vittorio ha bisogno di una persona «seria e sveglia» che possa ottemperare alle mansioni di segreteria: «Rispondere al telefono, preparare e ritirare documenti». L’obiettivo è offrirle un contratto a tempo indeterminato. Magari, per iniziare, potrebbe trattarsi di un part-time, quindi quattro ore lavorative. «Non so - butta lì l’imprenditore - magari dalle 8 alle 12 o dalle 9 alle 13. Non ho ancora preparato nulla. La mia è solo un’idea. Se Erika volesse trasferirsi a Rieti, io sarei solo felice di accoglierla», aggiunge Di Vittorio. Che precisa: «Non le chiedo nulla, solo che abbia voglia di lavorare, che sappia usare il computer e che non mi dia problemi». Non è interessato al passato di Erika, né a sapere cosa sia passato nella testa della ragazza quel 21 febbraio 2001, men che meno si preoccupa di eventuali malumori che potrebbero scaturire nella piccola comunità di Rieti. L’imprenditore agisce d’istinto. E conclude: «Se Erika accettasse di trasferirsi nel Lazio, potrei anche ospitarla in un appartamento che ho appena ristrutturato, così da non dover pensare neppure all’alloggio». Ma solo a ricominciare.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    18 Novembre 2016 - 12:12

    e così accoppa pure lui.Stia attento.

    Report

    Rispondi

  • manuelavalentini85

    03 Novembre 2014 - 18:06

    Ma vergognati! Io sono laureata da 5 anni, sono 5 anni che mi faccio un mazzo così per trovare lavoro e non trovo niente! Mi rifiutano perchè non ho 10 anni di esperienza nella mansione, perchè non abito dietro l'angolo (cosa gliene frega se arrivo a piedi o in treno?), allora adesso vengo lì ad ammazzare Erika e chi l'ha assunta, così dopo il carcere trovo lavoro. Ma crepa!

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    21 Marzo 2013 - 18:06

    Assassina a tempo indeterminato.

    Report

    Rispondi

  • guimaia

    17 Gennaio 2013 - 13:01

    È del 15 Gennaio la notizia che Erika De Nardo può finalmente rifarsi una vita, grazie ad un imprenditore di Rieti che si è commosso per la sua storia, al punto da offrirle un alloggio ed un contratto a tempo indeterminato. Vorrei chiedere se qualche imprenditore è disposto ad assumere un giovane dottore in Biotecnologie Agrarie e Vegetali con il punteggio di 110 e lode e con un Master in Ingegneria Chimica della Depurazione delle Acque e delle Energie Rinnovabili, il cui reato è quello di aver onorato il proprio padre e la propria madre con l’impegno e la dedizione scolastica, rispettandoli così come l’educazione cattolica e quella dello Stato italiano gli hanno insegnato. Guido Maia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog