Cerca

Follie umanitarie

Amnesty International, la classifica-delirio: l'Italia tra i paesi torturatori

Amnesty International, la classifica-delirio: l'Italia tra i paesi torturatori

Guardatevi le spalle, sempre. Quando uscite di casa o siete al telefono. Vivete in un Paese che tortura oppositori, criminali e perfino gente comune. Siete circondati da camere di tortura, attrezzate con ogni sorta di strumento punitivo ed estorsivo: temete per la vostra libertà e la vostra vita. Tale “consiglio” arriva da Amnesty Inetranational. Che, nella sua campagna per fermare la tortura, ha affiancato l’Italia ai cinque Paesi che necessitano di attenzione particolare - Messico, Filippine, Marocco, Uzbekistan e Nigeria - perché non abbiamo il reato di tortura nel codice penale. La cosa non sorprende, se si pensa che anche la terza carica dello Stato - la presidente della Camera Boldrini, per l’appunto - fa passare in ogni occasione l’idea che l’Italia violi diritti su diritti.

Ma vediamo chi, in questa grottesca lista, non figura. Cito dal sito di Amnesty: «Maltrattamenti e torture sono diffusi in Arabia Saudita. Tra i metodi usati ci sono pugni, percosse con bastoni, sospensione al soffitto o alle porte delle celle tramite caviglie o polsi, scariche elettriche sul corpo, prolungata privazione del sonno e reclusione in celle gelide». E ancora: «Un ex funzionario di sicurezza del più grande centro di detenzione politica della Corea del Nord per la prima volta ha raccontato ad Amnesty di detenuti costretti a scavarsi la fossa e di donne stuprate e poi scomparse. Centinaia di migliaia di persone, donne e bambini compresi, sono detenute nei campi di prigionia politica». Qualcosa non torna, è evidente. L’Italia, che assiste ogni giorno centinaia di migranti alla deriva, il Messico che se la vede con i narcos che uccidono migliaia di persone l’anno e il Marocco che sta riformando la disciplina dei diritti umani e della donna, sono Paesi torturatori su cui fare campagne ad hoc. Per Arabia Saudita e Corea del Nord invece niente segnalazioni speciali.

C’è poco da aggiungere: siamo di fronte a un’operazione dal sapore tutto italiano, condita dallo scandaloso buonismo di casa nostra. E dunque, tutti in silenzio ad ascoltare le accuse senza fondamento di chi dimentica Paesi canaglia come l’Afghanistan - in cui una donna si differenzia da un burqa solo se giace massacrata e sfregiata in una fossa - e le tira fuori quando c’è necessità politica, quando fa comodo. O si ricorda a intermittenza che Sahara Occidentale significa anche Algeria - ma a qualcuno fa più gioco puntare il dito lì dove la volontà riformatrice fa passi in avanti ogni giorno, piuttosto che agire su chi fa della sua impunità un vanto davanti al mondo. Ah, quasi dimenticavo: per donare, e confermare che in Italia anche voi sapete che la tortura esiste, basta anche la carta di credito…

di Souad Sbai

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cellini

    28 Agosto 2014 - 16:04

    è solo una patetica povera donna.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    09 Giugno 2014 - 13:01

    Ha ragione Amnesty International...se potessero spiare polizia e carabinieri quando fermano gli italiani per controllare i documenti...se appena dici qualcosa,fai la fine di Giuseppe Uva,ucciso dai carabinieri con un manganello nell'ano !

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    16 Maggio 2014 - 16:04

    Penso che la peggiore colpa della Boldrini sia l'ipocrisia, quella di chi ha costruito la propria carriera alle spalle dei più diseredati del mondo. Tuttavia, nonostante le ipocrisie della suddetta, occorre denunciare il delirio di Amnesty International per aver inserito l'Italia nella lista nera dei peggiori Paesi del mondo. Amnesty conferma la propria fama: solo stupidi o in malafede la seguono.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    15 Maggio 2014 - 23:11

    Amnesty International ha perfettamente ragione. Noi Italiani siamo tutti i santi giorni torturati dalla "Presidentessa" della camera, dal Presidente del Senato, dal Presidente della Repubblica e dal Governo Renzi, il Governo del venditore di fumo, per poi non parlare da tutto quello che è l'apparato dello Stato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog