Cerca

Pomezia

Mensa scolastica, il sindaco grillino: "Niente dolce per i bambini poveri"

Mensa scolastica, il sindaco grillino: "Niente dolce per i bambini poveri"

Due menù nelle mense scolastiche, con o senza dolce, a seconda della possibilità di pagamento dei genitori dei bambini. E' quanto accade a Pomezia, un comune della provincia di Roma, dove il sindaco del Movimento 5 Stelle Fabio Fucci ha previsto per il prossimo anno due menù: uno meno costoso (4 euro) ed uno più costoso (4,40 euro). A fare la differenza è il dolce alla fine del pasto.

Una inaccettabile discriminazione tra i bambini sulla base del censo e delle capacità economiche delle loro famiglie, che ha scatenato subito le denunce da parte dell'opposizione.  «È inaccettabile la scelta operata dalla giunta grillina di Pomezia di utilizzare due menù nelle mense scolastiche a seconda della possibilità di pagamento dei genitori dei bambini - sottolineano i senatori del Pd Valeria Fedeli e Raffaele Ranucci - In sostanza a chi paga di più viene fornito un pasto completo».«E questo - continuano - in una scuola pubblica. Una cultura discriminatoria quella portata avanti dal Movimento 5 stelle che, nascondendosi dietro al cosiddetto governo partecipato, arriva al punto di far subire a dei bambini nell’età più delicata l’esperienza più terribile: la diseguaglianza sociale». «Una decisione incredibile - sottolineano Fedeli e Ranucci - per un partito che in questi giorni si candida a  rappresentare i cittadini in Europa e che rivela la sua vera indole, quella di un movimento che vuole minare alle fondamenta la convivenza civile e democratica del paese». «Mai ci saremmo immaginati che si potesse anche solo ipotizzare una differenziazione di trattamento così odiosa, dinanzi alla quale crolla qualsiasi giustificazione, finanche quella di averne discusso preventivamente con alcuni genitori, come ha riferito in alcune interviste alla stampa locale la vicesindaco», ha tuonato il coordinatore cittadino di Sel, Walter Bianco.
Nello specifico si tratta di un appalto che durerà tre anni e fornirà oltre 400mila pasti l’anno, che contempla un menù completo e uno ridotto con due costi diversi per le famiglie differenziandosi per la presenza o assenza della portata del dolce. Una scelta che colpisce bambini sia della scuola primaria che dell’infanzia e che non fa in alcun modo riferimento a convinzioni alimentari (ad esempio per vegetariani, vegani, musulmani) ma solo ed esclusivamente a parametri economici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alessandro197573

    21 Maggio 2014 - 22:10

    qui si parla di dolce. in realtà si dovrebbe parlare di merenda (cioè di una merendina preconfezionata data nel pomeriggio). Visto che molti bambini non fanno il doposcuola, altri a cui i genitori preferiscono dare una merenda più "salutare" (yogurt o frutta), il sindaco, vista la richiesta di molti genitori, ha deciso di dare come opzionale la merenda. Cari giornalai di partito... viva il M5S

    Report

    Rispondi

  • babbone

    21 Maggio 2014 - 19:07

    questo è l'antipasto nella settimana delle elezioni, l'amaro a fine pasto.

    Report

    Rispondi

  • brancati66

    21 Maggio 2014 - 17:05

    Sarebbe più giusto dare il dolce gratis a tutti.

    Report

    Rispondi

    • Il_Presidente

      21 Maggio 2014 - 23:11

      si, ovvio...tutto gratis a tutti! ma basta con queste scemenze buonist-demagogiche.La roba si paga.Se va al fast food e non paga,non mangia.Sembra così assurdo? Tralaltro il fatto è un pò più articolato rispetto a quanto scritto.Praticamente si è data la possibilità (su richiesta dei genitori) di pagare meno per alcuni bambini in modo da potersi portare il dolce (sicuramente più genuino) da casa.

      Report

      Rispondi

  • fonty

    fonty

    21 Maggio 2014 - 17:05

    Con i bambini non si devono fare discriminazioni, piuttosto si poteva levare il dolce tout court dal menù oppure quelli che lo volevano potevano portarselo da casa, così invece è umiliante per chi non può permetterselo. Penso anche che se la Lega definita razzista dai perbenisti avesse fatto una cosa simile, sarebbe stata crocefissa.

    Report

    Rispondi

    • Wadas

      22 Maggio 2014 - 13:01

      Font y,ma cosa hai in testa ? Dello yogurt scaduto ? Hai scritto che il provvedimento e' discriminatorio verso chi non può' permettersi 0,40€ di differenza ? Non posso credere che lo pensi davvero !

      Report

      Rispondi

    • Chry

      22 Maggio 2014 - 01:01

      Il perbenismo è una stronza, un invenzione linguistica poco sofisticata inventata a torto contro la morale da inetti imbecilli razzisti e omofobi

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog