Cerca

Verso le Europee

La campagna elettorale spacca il governo
Lupi smentisce Renzi in conferenza stampa

Matteo Renzi e Maurizio Lupi

Ultime battute di una campagna elettorale in cui ogni partito cerca di conquistare i voti degli indecisi. In questa ottica deve essere inquadrata la presa di posizione del ministro Maurizio Lupi sull'applicazione Uber che sta provocando la dura protesta dei tassisti milanesi. Un presa di posizione in netto contrasto con quando sostiene invece il premier Matteo Renzi. L’applicazione permette a chiunque di registrarsi come autista di Uber e usare un veicolo privato per trasportare clienti del servizio, il che vuol dire meno lavoro per i guidatori di auto bianche. Per il presidente del Consiglio si tratta di "un servizio straordinario". "Ho utilizzato Uber a New York con un amico e dalla prossima settimana affronteremo anche questo", ha detto Renzi a ’Radio Anch’io' su Rai Radio1 contraddicendo il suo ministro dei Trasporti che invece ieri si era schierato dalla parte dei tassisti. La app Uberpop, ha detto Lupi al vertice con il presidente della Regione Roberto Maroni, il sindaco Giuliano Piasapia, il prefetto Francesco Tronca e i rappresentati di categoria, è in contrasto con la legge, da servizio ncc a vero e proprio servizio taxi. "Qualsiasi app o tecnologia che eroghi un servizio non autorizzato è un esercizio abusivo della professione", ha tuonato. "Non saranno ammesse violazioni di alcun tipo", ha avvertito Lupi spiegando che ncc "è una prestazione che deve avere delle caratteristiche precise: si deve partire dall’autorimessa, la tariffa deve essere chiara con una specie di forfait e finito il servizio l’auto deve tornare in autorimessa".Dunque, secondo il ministro di Renzi tolleranza zero per la app e attenzione alta su come viene gestito il servizio da parte di Uber (e similari) che deve rispettare le regole valide per ncc. I tassisti hanno apprezzato e chissà se domenica qualcuno deciderà di mettere una X sul simbolo del Nuovo Centro Destra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • filder

    22 Maggio 2014 - 13:01

    Lupi è seduto sulla poltrona sbagliata,ma a costo di bruciarsi il culo resta lì per il bene dellItalia e della stessa poltrona! Rispetto per questi eroi moderni

    Report

    Rispondi

blog