Cerca

Democratica

Ultima gaffe della Picierno: fa spot a Fiat e Red Bull, e rompe il silenzio

Pina Picierno

L'ultima gaffe di Pina Picierno proprio alla vigilia delle elezioni è stato fare spot a due marche, una di auto e una di bevande, per raccontare la sua campagna elettorale. Nel post di ringraziamento ai suoi elettori su Facebook la candidata del Pd protagonista di mille gaffes (la sua bacheca è piena di ringraziamenti degli elettori cinque stelle: “grazie, ci hai regalato almeno 3-4 punti”), racconta le fatiche della sua campagna elettorale superate grazie a un pizzico di doping legale: “cioccolato, vitamine e Red Bull buttate giù per reggere fino a sera”. Senza quel doping confida dunque la Picierno, non avrebbe retto la dura campagna elettorale... Girata (secondo spot, di cui la ringrazierà sicuramente Marchionne), “passando per riunioni a orari improbabili, notti insonni, litigate, pasti saltati, albe guardate dal finestrino della 500 che c'ha portato da Pescara a Reggio Calabria”. Red Bull e 500. era proprio una campagna spot... Ah , la Picierno ha rotto oggi su twitter anche il silenzio elettorale annunciando il suo imminente voto alle 19,45 nel suo paese natale. San Marco di Teano, “il più bello del mondo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • massimo-brn

    12 Giugno 2014 - 19:07

    Picierno facci un favore Taci....

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    25 Maggio 2014 - 21:09

    Renziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii ! Per cortesia metti il cerotto a questa qui. Non fa altro che affondarvi. A dire il vero a me fa piacere vedervi nella m......

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    25 Maggio 2014 - 21:09

    meno male che sta col pd. troooooooooppo imbranata.

    Report

    Rispondi

  • tristano.libero

    25 Maggio 2014 - 21:09

    Ha rotto il silenzio, furbescamente, anche un pregiudicato decaduto che non può nemmeno votare, quindi per quanto mi stia sulle balle la Picierno, non ha fatto una cosa così grave

    Report

    Rispondi

blog