Cerca

L'ex re dei paparazzi

Fabrizio Corona imprenditore di se stesso: lancia "Detenuto74"

Fabrizio Corona imprenditore di se stesso: lancia "Detenuto74"

Fabrizio Corona è uno che non si dà mai per vinto e anche dal carcere, dove deve ancora scontare nove anni in galera per una condanna definitiva per estorsione, cerca di rilanciare il suo personaggio. L'ex principe dei paparazzi, per ripartire, sta cercando di rendere produttiva anche la sua permanenza in cella, lanciando un brand di abbigliamento. Dopo le mutande Corona's (che prendevano il nome dalla sua stessa agenzia fotografica fondata nel 2001 e fallita nel 2008) arriva il marchio Detenuto N° 74.

La campagna pubblicitaria - Da bravo imprenditore di se stesso, Corona non ha scelto un numero casuale e, lontano dall'adottare il suo numero di matricola, ha optato per il suo anno di nascita. Sì, ma come pubblicizzare il marchio? L'impresa non era semplice, ma una vecchia volpe come Corona ha saputo sfruttare i media. E infatti, lo scorso 10 aprile, è uscito dal carcere di Opera a Milano, dopo un anno e tre mesi di detenzione, per firmare il divorzio da Nina Moric al tribunale di Milano e proprio li si sono appostati una serie di paparazzi, tra cui quelli di Novella 2000. In quell'occasione ha indossato la maglietta in questione per farsi un po' di pubblicità. Non contento, il fotografo ha lanciato sulla sua pagina Facebook la campagna #siamotuttidetenuti, con l’invito dello staff e dei suoi sostenitori ad acquistare la t-shirt, scattarsi una foto indossandola e postare l’immagine sui social per l’appunto con l’hashtag #siamotuttidetenuti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    27 Maggio 2014 - 19:07

    giusto in Italia certe persone vengono elogiate , ammirate e simulate, se questa è un nuovo stile di vita, non lamentiamoci se poi succedono fatti nefasti e poco raccomandabili, questo non è il modo giusto di educare ....Corna sei solo uno dei tanti....

    Report

    Rispondi

blog