Cerca

Errori giudiziari

L'ex pm Antonio Ingroia lo fa arrestare, ma dopo 10 anni si scopre l'errore di omonimia

L'ex pm Antonio Ingroia lo fa arrestare, ma dopo 10 anni si scopre l'errore di omonimia

Mohamed Salim, cittadino bengalese, ha passato gli ultimi dieci anni sotto indagine con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina. Ha trascorso un anno agli arresti domiciliari. Ha rischiato fino a 15 anni di carcere, se il suo avvocato non fosse riuscito a dimostrare che Salim era solo omonimo dell'uomo che la procura di Palermo cercava. A portare avanti le indagini all'origine del calvario di Salim, scrive affaritaliani.it, era l'ex pm Antonio Ingroia, astro nascente e calante alle elezioni politiche 2013.

L'errore - L'inchiesta è partita dall'intercettazione di un cittadino albanese che parlava in italiano, cioè l'omonimo di Mohamed Salim. Questo faceva parte di un'organizzazione che procurava falsi documenti e assunzioni a migranti irregolari. Ingroia manda la polizia giudiziaria ad arrestare Salim, ma trovano il bengalese e non l'albanese, due che in comune hanno appena il nome. Il Salim bengalese non parla italiano, ha una residenza diversa dall'omonimo albanese, così come è differente lo stato di famiglia. L'uomo che dal 2004 ha conosciuto prima il carcere e poi gli arresti domiciliari pur essendo completamente estraneo ai fatti è anche dializzato. Difficile per uno nelle sue condizioni fare la spola tra i Balcani e l'Italia a far traffico di vite sui gommoni. Dopo l'arresto, i domiciliari e la lunga durata delle indagini, finalmente d'accordo con il pm, che oggi è Carlo Lenzi, Mohamed Salim è stato assolto dai giudici.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papik40

    03 Settembre 2014 - 02:02

    Basterebbe che in automatico - trattandosi di evidente colpa grave - Ingroia passasse in carcere ed ai domiciliari almeno un decimo di quelli subiti dall'innocente cosi' anche gli altri magistrati del livello di Ingroia e di Di Pietro farebbero piu' attenzione a privare la liberta' senzxa adeguate indagini!

    Report

    Rispondi

  • sergio.cartabia

    30 Maggio 2014 - 00:12

    Inutile continuare con i lamenti: la Legge sulla responsabilità dei magistrati SUBITO ! Non solo in sede civile ma anche PENALE, se sbagliano approfittando del loro STRAPOTERE, paghino con la stessa moneta: IL CARCERE ! Uno degli attuali Giudici della Corte Costituzionale lo aveva pronosticato molto prima il rischio di simili comportamenti dei magistrati ma evidentemente non gli hanno dato retta .

    Report

    Rispondi

  • masterlor

    29 Maggio 2014 - 19:07

    E non potete immaginare quanto tempo e fatica perdono al CSM per istruire pratiche disciplinari nei confronti di PM che hanno scarcerato qualcuno con un giorno di ritardo rispetto alla misura cautelare prevista, ma che poi è rientrato in carcere per scontare altri anni di condanna effettiva, magari per stupro.

    Report

    Rispondi

  • farfallabianca

    29 Maggio 2014 - 11:11

    Chi sbaglia deve pagare: fuori l'innocente dentro chi l'ha mandato. Nessun problema.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog