Cerca

La guerra delle toghe

Procura di Milano, il Csm accoglie l'esposto di Robledo: ora Bruti Liberati rischia il posto

Edmondo Bruti Liberati

Una svolta (a sorpresa) nella guerra tra toghe alla procura di Milano: ora, Edmondo Bruti Liberati, rischia ufficialmente il posto. Lo avevamo già scritto nelle ultime ore, ma adesso c'è stato un decisivo scatto in avanti. Il Csm si è spaccato, ma contrariamente alle indiscrezioni della vigilia ha deciso di non insabbiare il caso. Seppur a strettissima maggioranza, la settima commissione dell'organo di autocontrollo delle toghe (che si occupa di vigilare sul finanziamento interno degli uffici) ha chiuso i lavori con una mozione che ha raccolto tre voti favorevoli, due astenuti e un contrario. Di fatto, è arrivato l'ok alla mozione, ed è stato così confermato il contenuto dell'esposto presentato lo scorso marzo dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo, il grande accusatore di Bruti.

I "rilievi" - La commissione ha preso atto "con rilievi" di quanto emerso nella sua istruttoria. E proprio in quei "rilievi" sta la verità: a Milano qualcosa è successo, eccome. Impossibile nascondere la vicenda. Impossibile sostenere che le regole nell'assegnazione dei fascicoli siano state rispettate. C'è poi un altro passaggio importante: gli atti vengono trasmessi alla V commissione del Csm (e anche questo lo avevamo anticipato), la commissione che si occupa di nominare i capi degli uffici, o di confermarli nel loro incarico dopo quattro anni. E i quattro anni di Bruti scadranno proprio a giugno: il procuratore capo del pool meneghino, ora, vede ridursi al lumicino le possibilità di venire riconfermato.

Lo scenario - La settima commissione ha deciso di mandare la pratica anche al ministro della Giustizia e al procuratore generale della Cassazione, chiamati a decidere su una possibile procedura disciplinare nei confronti di Bruti e Robledo (ipotesi che però, al momento, viene ritenuta improbabile). Resta però il fatto che, nella sostanza e nonostante il tentativo di ribaltare le accuse contro Robledo (indicato come "elemento di intralcio" nell'inchiesta Expo), i rilievi di Robledo stesso contro Bruti Liberati sono stati accolti. Se Bruti a giugno lasciasse il ruolo di procuratore capo, al suo posto potrebbe arrivare un esterno, una novità assoluta per il pool di Milano (una novità piuttosto sgradita da Ilda Boccassini, "protetta" di Bruti e come lui appartenente a Magistratura democratica, la corrente di sinistra delle toghe).

La vicenda - In breve, la "guerra delle toghe" di Milano è iniziata con l'esposto presentato da Robledo contro il collega Bruti, accusato di "turbare il regolare svolgimento della funzione" del pool meneghino, in buona sostanza assegnando i fascicoli che riguardano reati contro la pubblica amministrazione (di cui sarebbe competente l'ufficio di Robledo) al pool reati finanziari, guidato dall'altro procuratore aggiunto, Francesco Greco, vecchia conoscenza di Mani Pulite. Oppure proprio alla Boccassini, la pm anti-Cav per eccellenza. Bruti Liberati, come scritto, ha poi cercato di ribaltare la situazione accusando Robledo di essere stato di "intralcio alle indagini" nell'inchiesta Expo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franco Pezzali

    16 Marzo 2015 - 11:11

    Magari ....e lo dovrebbero mandare a lavorare fra i suoi kompagni in Siberia!

    Report

    Rispondi

  • carlo pinna

    carlo pinna

    11 Giugno 2014 - 11:11

    La colpa più grave e destabilizzante è l'uso delle procure per scopi politici. ...Questo per me è alto tradimento. Ma tangentopoli stessa era "strabica". La corte costituzionale, per esempio, quando ci si trovava in posizione per andare al voto, ha dichiarato incostituzionale il "porcellum", ci ha messo solo sei anni!! Infatti abbiamo il terzo governo comunista..non votato. Strategia evidente.

    Report

    Rispondi

  • cuciz livio

    10 Giugno 2014 - 23:11

    Marrazzo sparito con due morti,Banca di Siena non se ne parla,Penati desaperecido,Ernani e chi era costui ?,Vendola ed i suoi ospedali?Ilva di Taranto?,Mose,Expo?Cooperative rosse ?Sindacati?....o partigiano portami via ,o bella ciao ,bella ciao,bella ciao ciao ciao.. L'unico condannato fuori misura è Berlusconi ,si ma faceva nel tempo libero festini con le gnocche..che schifo,..affanculo tonti

    Report

    Rispondi

  • UNGHIANERA

    10 Giugno 2014 - 18:06

    SCORPIONE2...l'unico pupo manipolato negli ultimi 20 anni sei stato tu cogli@ne!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog