Cerca

La confessione

La rivelazione del pentito su Parolisi: "Ecco cosa faceva con le soldatesse nella caserma"

La rivelazione del pentito su Parolisi: "Ecco cosa faceva con le soldatesse nella caserma"

È in carcere perché  condannato in appello per l’omicidio della moglie Melania Rea, e adesso, un pentito - nell’ambito dell’inchiesta parallela - dice che Salvatore Parolisi avrebbe partecipato ad un video hard con alcune soldatesse. La persona che rivela dei filmati a luci rosse, la cui lettera scritta a mano è stata pubblicata nel profilo Facebook 'Processo e dintornì', denuncia un giro di spaccio di droga e di violenze all'interno della caserma di Ascoli in cui prestava servizio Parolisi.

La risposta di parolisi e del suo avvocato - Lo stesso caporalmaggiore in alcuni stralci della lettera fatta recapitare al suo difensore, respinge le accuse infamanti: "Sono una persona umana e da umano ho sbagliato. Non sono un mostro come alcune persone mi definiscono. Tutto questo è agghiacciante, insopportabile e lacerante, a volte mi sembra di sognare a occhi aperti, perchè difficilmente riesco ad addormentarmi ma non è così, è un incubo costante che non ha eguali". Anche la risposta dell'avvocato di Parolisi non tarda ad arrivare: "Gli hanno detto di tutto. Non è tollerabile - dice l’avvocato Nicodemo Gentile, che lo difende insieme a Walter Biscotti -. Ma purtroppo la macchina del fango non si arresta. Dagli atti della inchiesta emergono le dichiarazioni di un pentito, che nel denunciare, il presunto spaccio di droga e le violenze che avvenivano all’interno della caserma militare di Ascoli, sostiene che Salvatore abbia partecipato ad un video hard con delle soldatesse. È il caso di dire che la realtà (diffamatoria) supera anche la piu fervida fantasia". Per Parolisi, condannato a 30 anni in secondo grado, il processo in Cassazione dovrebbe inziare verso la metà di ottobre.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    25 Febbraio 2015 - 12:12

    la droga, i festini con le soldatesse più fantasiose che reali, le molteplici corna più teoriche che vere di Parolisi a Melania, non rientrano nell'omicidio di Melania. Parolisi con la famigliola si reca alle casermette solo per far fare pipì a sua moglie non trovando lei un posto soddisfacente nei pressi del parco delle altalene e non per fare sesso come Chi l'ha visto? in primis ha sempre detto

    Report

    Rispondi

  • afadri

    07 Giugno 2014 - 23:11

    Questa volta con anche queste accuse i 30 anni diverranno definitivi. C'è da scommeterci.

    Report

    Rispondi

  • lucy

    07 Giugno 2014 - 19:07

    Voorei sapere se è ancora fidanzato cn Federica!

    Report

    Rispondi

  • rader

    07 Giugno 2014 - 16:04

    Negli anni '60 la Caserma di Ascoli era un cosa seria. Ora è un bordello. Grazie Esercito!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog