Cerca

Oggi alle urne

Elezioni 2014, i Comuni al ballottaggio: da Bergamo a Livorno, le sfide più importanti

Elezioni  2014, i Comuni al ballottaggio: da Bergamo a Livorno, le sfide più importanti
I seggi sono chiusi ovunque tranne in Sicilia  in cui si voterà anche domani. Alle 12 l'affluenza alla urne è stata del 16%, contro il 21% del primo turno. Alle 19  l'affluenza è stata stimata al 33,8 per cento. Al primo turno, il 25 maggio scorso, l'affluenza era stata del 52,4%. La percentuale finale dei votanti, registrata alle 23 è del 52,45% contro il 72% del primo turno. In pratica un elettore su due è rimasto a casa. 
 

 

Chi torna al voto - Ai 138 comuni delle regioni a statuto ordinario, vanno aggiunti un comune in Sardegna (Alghero, in provincia di Sassari), uno in Friuli Venezia Giulia (Porcia, provincia di Pordenone) e otto in Sicilia: Caltanissetta, San Cataldo (Caltanissetta), Acireale (Catania), Bagheria (Palermo), Monreale (Palermo), Termini Imerese (Palermo), Pachino (Siracusa) e Mazara del Vallo (Trapani). Diciassette i capoluoghi di provincia chiamati a scegliere il sindaco tra i due "spareggianti" usciti dal primo turno dello scorso 25 maggio: Vercelli, BiellaVerbania, Bergamo, Cremona, Pavia, Padova, Modena, LivornoTeramo, Perugia, Terni, Pescara, Bari, Foggia, PotenzaCaltanissetta. Lo scrutinio avrà inizio nella stessa giornata di domenica, al termine delle operazioni di voto e dopo il riscontro del numero dei votanti.

Le sfide più attese - Occhi puntati soprattutto su Bergamo, Pavia, Modena, Livorno e Bari. A Bergamo è in vantaggio Giorgio Gori (Pd), che parte dal 45,5% del primo turno. Staccato, di poco, il rappresentante del centrodestra nonché sindaco uscente Franco Tentorio (42,2%). A Pavia il grande favorito è il giovane rampante di Forza Italia Alessandro Cattaneo, forte di un 47% contro il 22,8 di Massimo Depaoli del centrosinistra. A Modena il Movimento 5 Stelle sogna il colpaccio stile Parma-Pizzarotti nel maggio 2012. Il candidato sindaco grillino Marco Bortolotti, con il 16,3% del primo turno, sfida il piddino Gian Carlo Muzzarelli, che ha raccolto il 49,7 per cento. Impresa difficilissima, ma con Bortolotti si è schierato tutto il centrodestra, da Ncd a Forza Italia, chiedendo ai propri elettori di scegliere il rappresentante del M5S. Situazione simile a Livorno, tra le roccaforti della sinistra italiana: sarà Marco Ruggeri del Pd (40%) contro il 5 Stelle Filippo Nogarin (19%). A Bari, invece, torna in gioco Forza Italia: Mimmo Di Paola col 35,8% del primo turno prova il ribaltone contro il candidato sindaco del Pd Antonio Decaro, forte del 49,4% raggiunto due settimane fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    09 Giugno 2014 - 08:08

    Occorre essere ben duri di comprendonio per non capire che la gente NON vi vuole più tra i piedi. Siete una banda di ladri e miracolati che si arricchiscono senza alcun merito alle spalle della gente onesta. FATE SCHIFO!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • pasquino del3mi

    09 Giugno 2014 - 08:08

    FINALMENTE!!!!!!!!! la gente inizia a capire che pd non è altro che levare alla gente, che ha sudato per quello che ha, per darlo ad una manica di nullafacenti, e vogliono prendere la gente per i fondelli, sono bravi con i soldi degli altri,

    Report

    Rispondi

  • satanik

    08 Giugno 2014 - 18:06

    Fabio Valli - Ci si sente domani.....

    Report

    Rispondi

    • BIT74

      09 Giugno 2014 - 01:01

      Ebbene, Renata Tosi ce l'ha fatta! Il Centrodestra a Riccione ha vinto col 53.39% !

      Report

      Rispondi

  • BIT74

    08 Giugno 2014 - 18:06

    Aggiungo Riccione, dove per la prima volta dal dopoguerra la sinistra va al ballottaggio!

    Report

    Rispondi

blog