Cerca

Le follie del Fisco

Redditometro, favore alle banche: anche la paghetta col bonifico per non diventare un evasore

Redditometro, favore alle banche: anche la paghetta col bonifico per non diventare un evasore

di Francesco De Dominicis

Finire sotto la lente del fisco per qualche centinaia di euro regalate, in contanti, da un genitore o dai nonni. È il rischio, o la beffa, a cui si va incontro con il nuovo redditometro. Perché chi non riesce a dimostrare di aver sostenuto certe spese - affitto, mutuo, bollette, assicurazione o bollo auto - grazie all’aiuto della famiglia o  a quello di un amico generoso, potrebbe «beccarsi» l’accertamento dell’agenzia delle Entrate.  Insomma, occhio alla paghetta in cash. Per i regali, meglio un bonifico. Perché i pericoli tributari non sono pochi. Anzi. Il pasticcio, nel dettaglio, potrebbe partire dalle verifiche bancarie (scattano in primavera e sono retroattive dal 2009) degli 007 del fisco. Che, dopo aver spiato i dati dei conti correnti, potrebbero determinare un reddito più alto di quello realmente percepito. Il totale delle spese viene calcolato sulla base della ricostruzione delle spese realmente sostenute e poi sommate alle medie dei consumi ricavate dai dati Istat oltre che da alcuni parametri legati alla composizione del nucleo familiare. Un esempio su tutti sono le spese per il mantenimento dell’auto (che non necessariamente vengono pagate con carta di credito, assegno o bonifico). Così, alla fine della giostra, potrebbe trovarsi a contestare una assurda «accusa» di evasione perfino un giovane appena entrato nel mondo del lavoro (e quindi con basso stipendio). 


Leggi l'articolo integrale di Francesco De Dominicis
su Libero in edicola oggi, venerdì 18 gennaio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    20 Gennaio 2013 - 14:02

    Basta aprire un conto corrente all'estero e farsi dare una carta di credito...Strisciate fuori italia per prendervi i soldi in contanti e Befera è fregato.

    Report

    Rispondi

blog