Cerca

La tragedia di Motta Visconti

Parla la collega di cui si era invaghito Carlo: "L'ho sempre rifiutato"

Carlo Lissi

Non avrebbe mai immaginato cosa passasse nella testa di quel collega che da quando era stata assunta le faceva una corte senza tregua. Una corte fastidiosa che lei ha sempre respinto con fermezza. La donna, tirata in ballo nell'orribile storia di Motta Visconti dall'assassino, l'ha ripetuto più volte agli inquirenti che già alle 23 di domenica l'avevano convocata in caserma per spiegare i rapporti con Carlo Lissi. "Lo giuro, non è mai accaduto nulla, non gli ho dato mai un filo di speranza", ha continuato a dire. Parole confermate anche dagli altri colleghi della Wolter Kluwer, l'azienda di informatica di Assago di cui erano entrambi dipendenti.
La 24enne, mentre si diffonde la notizia della tragedia accaduta a Carlo, stava trascorrendo un fine settimana in montagna con il fidanzato con cui da poco era andata a convivere. Poi la convocazione da parte di pm. A loro racconta il tormento a cui la sottoponeva Lissi.
Tutto era iniziato con qualche complimento mentre si incrociavano nei corridoi nei momenti di pausa, ma negli ultimi due mesi Carlo, che i colleghi descrivono come "piacione" era diventato più insistente, più esplicito. "Si è passati agli inviti a cena, alle dichiarazioni d'amore, ai paroloni", avrebbe raccontato la donna secondo il Corriere, "diceva di essere pazzo di me, io rispondevo che non ci pensavo nemmeno a iniziare una storia. Ma lui non si dava pace". Nonostante tutto la donna ha sempre interpretato le avance del collega come un semplice "incapricciamento" qualcosa che sarebbe scemato con il tempo, anche perché, ci tiene a sottolineare, non ha mai subito molestie di tipo fisico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    18 Giugno 2014 - 02:02

    che sia un pazzo lo ha provato lui stesso. Quindi e' da condividere la descrizione della collega, ma che si sia attaccato senza che lei ne sapesse nulla lo dica al fidanzato ma non ci crede nessuno. Mettiamoci un velo su questa storia dell'attaccamento da una parte sola, che e' meglio.

    Report

    Rispondi

    • Bruna541

      20 Giugno 2014 - 11:11

      mettiamo un velo anche su questo penoso commento, certo povero cocco , travolto da un'altra virago, ha compito il folle gesto... ma collegare la testa prima di scrivere certe stupidaggini?

      Report

      Rispondi

    • Bruna541

      20 Giugno 2014 - 11:11

      e collegare il cervello prima di scrivere stupidaggini sarebbe altrettanto meglio, ti senti meglio ora che hai velatamente insinuato che povero era stato travolto dalla passione e ricambiato?

      Report

      Rispondi

  • dimovi

    17 Giugno 2014 - 17:05

    Quando leggo queste notizie provo una immensa vergogna ad appartenere al genere umano....l'umano sempre più in evoluzione, sempre più vicino alla bestia o demonio che a dir si voglia

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    17 Giugno 2014 - 14:02

    Ha detto bene lui. datemi . Il massimo della pena, TRE ERGASTOLI| Sono proprio curioso di vedere secondo la giustizia italiana quanto gli danno. Corona per delle cavolate ha preso sette anni.....

    Report

    Rispondi

  • ubidoc

    ubidoc

    17 Giugno 2014 - 14:02

    Di quale paese africano è originario ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog