Cerca

La tragedia

Motta Visconti, la prima notte in cella di Lissi

Motta Visconti, la prima notte in cella di Lissi

La prima notte in cella per Carlo Lissi. L'uomo che ha ucciso a coltellate moglie e figli mentre famigliari e parenti piangevano la morte di una giovane mamma e dei suoi due bambini, lui ordinava una pizza e una birra per poi andare a dormire. Ieri ha potuto incontrare il suo avvocato in vista dei futuri atti processuali come l'autopsia e il sopralluogo del Ris. L'uomo di ghiaccio dunque ha confermato quell'insensibilità che lo accompagna dal momento dell'arresto. Il suo comportamento in caserma ha lasciato perplessi gli investigatori.

Pizza e birra - Il padre, il primo a essere stato chiamato dopo la scoperta del triplice delitto, si era sentito male ed era stato portato via in ambulanza. Lissi invece in caserma ha ordinato una pizza e una birra mangiata chiacchierando con gli investigatori, per poi andare a casa a dormire. La sua versione dei fatti è però crollata sotto le domande degli investigatori.Dalle 2 di domenica quando ha chiamato il 118 fino alle 2 di lunedì, quando è crollata come un castello di carte sotto le puntuali contestazioni degli investigatori. Ultima delle quali, la scoperta della sua passione per una collega di lavoro. Solo allora ha confessato. Poi tranquillamente è andato in carcere a Pavia, rinchiuso in cella di isolamento e guardato a vista nel timore di un gesto disperato, che finora non c'è stato. Insomma Lissi dopo la tragedia appare un uomo tranquillo. Magari dalla sua cella chiederà anche di guardare Italia-Costa Rica. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanAngelik

    19 Giugno 2014 - 19:07

    Amare e' un diritto; essere amati e' un diritto; divorziare e' un diritto; tradire e' un diritto; aver figli e' un diritto.... una societa' costantemente impegnata a trasformare in diritti civili qualsiasi desiderio anche se difficilmente irrealizzabile e' destinata a fallire ed a tirar su generazioni di egocentrici e potenziali assassini anaffettivi. Grazie a psicologi e giustizia colabrodo......

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    19 Giugno 2014 - 18:06

    Tranquilli: il gesto disperato non lo fa.

    Report

    Rispondi

  • brunom

    19 Giugno 2014 - 17:05

    Come il ghanese che uccise tre persone, qualche magistrato dira' che questo ha il cervello che non funziona, per cui ogli ipotesi e' possibile.

    Report

    Rispondi

  • er sola

    19 Giugno 2014 - 17:05

    Macchè isolamento, mettetelo con gli altri detenuti.

    Report

    Rispondi

blog