Cerca

Il testo

Riforme: patto Forza Italia-Pd sul nuovo Senato

Riforme: patto Forza Italia-Pd sul nuovo Senato

Il patto per le riforme è quasi chiuso. Pd e Forza Italia hanno trovato un punto d'incontro. Il vertice tra Maria Elena Boschi e Paolo Romani avrebbe ridefinito l'assetto della riforme e il nuovo Senato.  Per quanto riguarda palazzo Madama, il nuovo Senato avrà competenza sulla legislazione regionale e su quella europea, co-eleggerà il presidente della Repubblica, il Csm e i giudici costituzionali e avrà voce su leggi elettorali e riforme Costituzionali. Arriva l'intesa anche sulla composizione.

Come cambia il Senato - Lo schema che fonti vicine a Forza Italia e Pd definiscono “quasi definitivo” prevede che il nuovo Senato sia composto da cento senatori, tutti di “secondo livello”: cinque “a vita” nominati per la durata di sette anni dal capo dello Stato, 21 sindaci (per la durata del loro mandato) e tutti gli altri indicati dai consigli regionali al loro interno (anch’essi in carica per la durata dei consigli regionali). C'è attesa per le ultime trattative sul numero dei senatori a vita e su quello dei sindaci che, per Forza Italia, dovrebbe scendere ancora. Mentre per il Pd il pacchetto è chiuso. Ma è anche legato alla discussione parallela che sta avvenendo sulla legge elettorale, che il premier vuole approvare subito dopo il passaggio al Senato della prima lettura. Ovvero entro l’estate. Resta da sciogliere il nodo sulla legge elettorale. 

La legge elettorale - Il nuovo Italicum, al momento, dovrebbe prevedere la soglia del 40 per cento per accedere al ballottaggio e soglie di coalizione più basse. Mentre è ancora da definire il discorso delle preferenze che non piace a Forza Italia. Su questo fronte Romani parla di “incontro positivo” in cui si sono fatti “passi in avanti rispetto al testo base” ma allo stesso tempo sottolinea che “c’è ancora da fare”. Da martedì si vota in commissione. Dal 3 luglio in Aula.

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wrights

    21 Giugno 2014 - 11:11

    Premesso che si potevano ridurre a 100 senza toglierci il diritto di eleggerli, se ne và così un'altro pezzo di democrazia, con il beneplacito di "non eletti", "eletti incostituzionali" e "condannati per frode". Stiamo andando sempre più, verso una dittatura "democratica", perché da quello che ho capito, non passerà più nessuna legge senza il consenso dei senatori eletti dai partiti.

    Report

    Rispondi

  • flikdue

    20 Giugno 2014 - 06:06

    Ancora con quella menata dei mantenuti ................ o scusate dei senatori a vita .

    Report

    Rispondi

  • tony54

    19 Giugno 2014 - 19:07

    Mi sa che è il solito pastrocchio all'italiana. Non fanno mai una cosa intelligente , si sentono ormai i padroni. Cosa c'entra la figura del SENATORE A VITA , non si è ancora capito, e il Presidente della Repubblica eletto ancora da questi personaggi anziché dai cittadini? Ma mi facciano il piacere avrebbe detto il grande TOTO'...

    Report

    Rispondi

  • spalella

    19 Giugno 2014 - 18:06

    per silurare i 5 stelle a Renzi serve MANTENERE il 42% delle europee, una Fiducia a Tempo da Confermare con tagli concreti alle tasse, e col finanzimento delle riforme. Alle prox elezioni, se Renzi avrà fatto solo le Briciole, come sembra sarà, i 5 stelle faranno finalmente il Pieno, visto che di alternative non ce ne sono. Le chiacchere non contano, lo dimostra proprio quel 42% Speranzoso.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog