Cerca

Imprevisto

Vaticano, Bertone: fallita l'impresa per i lavori nell'attico

Vaticano, Bertone: fallita l'impresa per i lavori nell'attico

Dopo le polemiche per quei lavori nell'attico del cardinal Tarcisio Bertone pareva che i dissapori fossero rientrati e fosse tutto pronto per la consegna delle chiavi dell'appartamento. Invece come riporta Il Messaggero, pare che i lavori di ristrutturazione del loft di 600 metri quadrati (che Bertone ha precisato essere 300) siano bloccati. La causa? L'impresa edile che aveva ricevuto l'incarico è fallita. I rifacimenti sono ancora per aria in attesa che venga trovata una soluzione. Insomma il progetto di Bertone di poter vivere in un appartamento ristrutturato sotto l'egida di un architetto, risultato dell'accorpamento di due unità, la ex casa della famiglia di Camillo Cabin, lo storico comandante della Gendarmeria, scomparso da alcuni anni e un appartamento analogo, dotato di una terrazza mozzafiato, pare sempre più lontano. L'intenzione del cardinale, infatti, non era piaciuta neanche a Papa Francesco che aveva rimproverato quest'atteggiamento lontano dai principi "di sobrietà" e "semplicità" che la Chiesa deve inseguire. Ora dovrà attende che un'altra impresa decida di portare a termine i lavori. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • littlefrancisco

    21 Giugno 2014 - 18:06

    Tu quoche Bertone:sarai lontano dai principi di sobrità e semplicità come dice il Papa,ma sapessi come sei ben centrato nella dinamica dell'opposto secondo Lao Tse (e cioè a fare ostentatamente e in maniera compiaciuta la figura dello stronzo!!).

    Report

    Rispondi

  • peppecannata

    21 Giugno 2014 - 17:05

    IO non ho possibilità economica,se l'avessi,alla chiesa non darei un centesimo,perché invece di dare buono esempio di umiltà,arruffano a più non posso,oltre a questo non contribuiscono alle spese di tasse come tutti i cittadini,tutti questi benefattori che donano alla chiesa donassero ai veri bisognosi,Dio li ricompensasse nel miglior modo,io sono cattolico cristiano credente e da giovanotto sono

    Report

    Rispondi

  • ilsognodiunavit

    21 Giugno 2014 - 15:03

    Fintanto ci sono imbecilli che danno loro soldi e magari eredità invece di darle ai loro parenti, vedo giusto si comportino in questo modo, è giusto per il decoro della chiesa che è povera, che i suoi ministri "sguazzino" nelle ricchezze più sfrenate, e di queste storie ne sappiamo magari soltanto una minima parte.

    Report

    Rispondi

  • marco53

    21 Giugno 2014 - 15:03

    Questo losco figuro è un delinquente riconosciuto da decenni, da tutti coloro che lo conosco. Amici e avversari. Tutti sanno del suo torbido comportamento. Il papa tedesco non è riuscito a toglierselo dai piedi perchè ne era succube. Questo c'è parzialmente riuscito, ma per liberarsene completamente ci vuole la Magistratura ordinaria, serve la galera, il suo posto naturale. Spero presto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog