Cerca

L'omicidio di Brembate

Yara era in palestra, Bossetti la spiava

Le tracce del telefonino rivelano che l'uomo l'ha seguita in almeno tre occasioni

Yara era in palestra, Bossetti la spiava

La seguiva, la pedinava, la studiava. Per almeno tre volte, nei giorni precedenti la scomparsa di Yara Gambirasio il 26 novembre 2010, Massimo Bossetti si trovava nei pressi se non dentro la Città dello sport di Brembate Sopra, dove la ragazzina faceva ginnastica artistica. Il clamoroso dato, riferito dal Corriere della Sera, emerge dall'analisi delle celle telefoniche ripetuta in queste ore dagli specialisti dello Sco della polizia e del Ros dei carabinieri. E sembra confermare l'ipotesi che l'uomo avesse "puntato" la sua vittima e che ne stesse studiando abitudini, spostamenti e orari prima di portarla via all'uscita dalla palestra e farla sparire nel nulla per settimane. Sempre l'analisi dei tracciati del telefono della ragazzina di Brembate e del muratore di Mapello rivela che alle 17.30 di quel maledetto 26 novembre 2010 Yara esce di casa per andaare in palestra. E alle 17.45 Bossetti è nella stessa area, impegnato in una conversazione telefonica col cognato. Il giudice scrive che "l'utenza intestata all'uomo aggancia la cella di via Natta di Mapello compatibile con le celle aggancciate dall'utenza in uso a Yara Gambirasio e alle 18.49, quando riceve un ssms dall'amica Martina, aggancia proprio la medesima cella. Circostanza che rafforza il quadro probatorio a carico di Bossetti, in quanto è certo che l'uomo la sera di quel 26 novembre non si trovava in un luogo diverso da quello in cui è scomparsa Yara".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maxmusella

    04 Maggio 2015 - 23:11

    è certo che l'uomo la sera di quel 26 novembre non si trovava in un luogo diverso da quello in cui è scomparsa Yara".quando riceve un sms dall'amica Martina, aggancia proprio la medesima cella. di mapello.............Circostanza che rafforza il quadro probatorio a carico di Bossetti=?????????????????????????????????????????????????? vive a mapello LUI VIVE A MAPELLO era strano se il suo telefonino

    Report

    Rispondi

  • antari

    22 Giugno 2014 - 09:09

    L’omicida sarebbe un muratore bergamasco. Sono tre anni che cercava di confessare, ma non si riusciva a tradurre in italiano quel che dichiarava.

    Report

    Rispondi

  • palace

    22 Giugno 2014 - 06:06

    ma non si era detto che yara era in palestra casualmente quella sera? Eallora cosancentrano gli orari di uscita, se la pedinava avrebbe dovuto sapere che quella sera yara non era in palestra!

    Report

    Rispondi

  • Peo

    21 Giugno 2014 - 18:06

    Ripropongo una mia osservazione già fatta. Visto che il DNA lo seminiamo ovunque, anche solo sedendosi sul WC di un autogrill, cosa "si lascia" di proprio e cosa "si porta via" di altrui? Un banale ragionamento che sembra non fare mai nessuno. Comodo certo aprire l'ombrello della scienza esatta per coprire carenze investigative.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog