Cerca

I conti non tornano

La Corte dei conti ci costa 313 milioni l'anno

E' l'organo contabiule più costoso d'Europa e con risultati non all'altezza dei costi

La Corte dei conti ci costa 313 milioni l'anno

Il suo compito è fare i conti in tasca agli altri: cioè alle istituzioni e alla pubblica amministrazione. Scrive il quotidiano "La Repubblica" che l'espressione "monito della Corte dei conti" su Google produce 363mila risultati, essendo cioè una specie di pilastro della lingua italiana. Peccato che i magistrati contabili ci costino loro stessi una montagna di danaro, a fronte di risultati nel contenimento della spesa pubblica che non sono quelli ottenuti da analoghi organi in altri paesi europei. Il loro costo è indicato nella Gazzetta ufficiale uscita ieri: nel 2013 il tesoro gli ha trasferito la bellezza di 280 milioni di euro. Di per sè una cifra enorme. Che però non è neppure bastata, visto che la Corte aveva un "avanzo di amministrazione" di 65 milioni, prontamente versati nelle sue casse per un totale di uscite che ammonta a 313 milioni di euro. Togliendo le domeniche, le feste e gli altri giorni non lavorativi nel corso dell'anno, significa che agli italiani i magistrati contabili sono costati lo scorso anno circa un milione di euro al giorno. 


Cifra che li rende di gran lunga più costosi di simili istituzioni in giro per l’Europa. Qualche esempio? In Gran Bretagna, un Paese con un bilancio pubblico e un prodotto lordo simili a quelli dell’Italia, il National Audit Office l’anno scorso ha ricevuto dal Parlamento 66 milioni di sterline (circa 80 milioni di euro), inclusi 4 per spese una tantum. E il lavoro dei revisori pubblici di Londra ha prodotto per il contribuente risparmi provati di spesa per oltre un miliardo. Ma i magistrati italiani, con il quadruplo delle risorse, non hanno mai dimostrato dati alla mano risultati del genere. In Francia invece la Cour des Comptes nel 2013 è costata 206 milioni, un terzo meno che in Italia, e i portavoce di Parigi sembrano persino scusarsi per l’enormità della cifra. Essa include, si spiega, venti organi decentrati che controllano la spesa delle Regioni: come in Italia. La Corte dei conti europea a Lussemburgo l’anno scorso ha speso invece 142 milioni, benché controlli bilanci in ognuno dei 28 Paesi dell’Unione. E il Bundesrechnungshof costa 127 milioni: non sono inclusi gli impegni di 16 organi regionali, ma anche con quelli l’onere totale resterebbe molto inferiore all’Italia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    22 Giugno 2014 - 19:07

    Un milione al giorno ? Se Renzi cerca seriamente luoghi dove tagliare i costi, eccolo servito ! Auguri. Ma temo che in Italia non succederà mai Si taglieranno le pensioni (ma non quelle d'oro). si taglierà la sanità, si taglierà tutto alla povera gente, ma non le prebende dei grossi papaveri. Costoro saranno sempre al caldo d'inverno ed al fresco d'estate. Alla faccia del volgo !

    Report

    Rispondi

    • tristano.libero

      22 Giugno 2014 - 19:07

      Un milione al giorno ? Se Renzi vuole tagliare le spese inutili sa dove deve cominciare. Un suggerimento per il rottamatore che inciucia col pregiudicato: se al pregiudicato togli la mega scorta in quanto non dovuta perché (appunto) pregiudicato e decaduto, quindi cittadino comune, se al pregiudicato togli le decine di carabinieri a guardia delle sue ville, ci sarà un bel risparmio.

      Report

      Rispondi

  • gregio52

    22 Giugno 2014 - 18:06

    Ci dicevano che era giusto che un magistrato avesse una retribuzione alta, così non poteva essere comprato ne deviato nei suoi incarichi. Concetto che sarebbe andato bene in qualsiasi Paese del mondo MA NON IN ITALIA. Questi oltre che fregarsi montagne di danaro hanno subito imparato come arrotondare in su. UNA BELLISSIMA IMMAGINE DELLA MAGISTRATURA, fa proprio inorgoglire.

    Report

    Rispondi

blog