Cerca

Web hot

Google censura, Bing gode e fa godere non filtrando le ricerche sul porno

Google censura, Bing gode e fa godere non filtrando le ricerche sul porno

Gli smanettoni del web a caccia di foto osè, se non proprio scene esplicite di sesso anche il più fantasioso, stanno gradulmente mollando Google, preferendo il molto meno bigotto Bing. Secondo quanto scrive dailydot.com il motore di ricerca di Microsoft, terzo dopo BigG e Yahoo, sta rosicchiando il divario che storicamente lo tiene lontano dai due principali concorrenti grazie a un sistema di filtri più lascivo e spudorato. Il porno gratis è spina dorsale del traffico internet e per farne a meno bisogna poterselo permettere. Google ha da tempo preso una direzione chiara sulle foto (e video su youtube) di sesso esplicito: le nuove modifiche all'algoritmo del motore di ricerca penalizzano i contenuti che trattano di porno, e quindi anche con questo articolo BigG non sarà tenero. Bing invece non va troppo per il sottile, l'esperimento lo può fare chiunque, anche un bambino (ecco forse qualche problema c'è), inserendo parole comuni nel linguaggio del porno internettiano viene subito visualizzata una ricca galleria fotografica senza alcun tipo di censura. Bing si candida così a diventare il motore del porno per eccellenza e considerano la mole di traffico lasciato dai concorrenti, la seconda posizione di Yahoo potrebbe presto cedere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog