Cerca

La svolta

La perizia sul corpo di Yara: "C'erano peli e capelli dell'indagato"

La perizia sul corpo di Yara: "C'erano peli e capelli dell'indagato"

Un altra prova schiacciante che incastra Bossetti, l'uomo accusato di aver ucciso tre anni e mezzo fa Yara Gambirasio. "C’è coincidenza univoca di Dna tra le tracce repertate sui vestiti di Yara Gambirasio e i peli e i capelli trovati sopra e intorno al suo corpo". Lo dice ai microfoni di “Segreti e delitti” il Prof. Fabio Buzzi, Responsabile dell’Unità operativa di Medicina legale e Scienze Forensi dell’Università di Pavia. Il suo dipartimento è stato incaricato dalla Procura della Repubblica di Bergamo di analizzare i reperti peliferi (peli e capelli) trovati sopra e intorno al corpo di Yara Gambirasio, ritrovato nel campo di Chignolo d’Isola il 26 febbraio 2011.

La relazione ufficiale - che sarà depositata a breve alla Procura della Repubblica – conferma che sul corpo della tredicenne di Brembate sono stati trovati reperti peliferi di Massimo Giuseppe Bossetti, l’uomo indagato e ora in detenuto in carcere a Bergamo per l’omicidio di Yara Gambirasio. 
"E quindi questo dà maggior forza ovviamente a chi dovrà poi procedere all’identificazione personale, che a noi non riguarda, nel senso di individuare nome e cognome, eccetera eccetera. Perché l’aver trovato tracce di materiale biologico addosso agli indumenti di Yara, oltre che formazioni pilifere apposte sugli indumenti, è chiaro che dà una forza evidentemente, intuitivamente maggiore a questi due riscontri", afferma Buzzi. E aggiunge: "Noi siamo assolutamente certi che i peli o i capelli di Ignoto 1 erano lì su Yara. E questo rafforza l’altra indagine condotta collateralmente sulle cosiddette macchie, sul materiale biologico invece apposto, assorbito dagli indumenti"

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • RaidenB

    28 Giugno 2014 - 13:01

    Peli e capelli rimasti su un corpo esposti a mesi di intemperie dei quali magicamente gli inquirenti si ricordano solo dopo aver arrestato una persona. Credo che i dubbi sulla loro autenticità vengano un pò a tutti.

    Report

    Rispondi

    • giga1971

      01 Luglio 2014 - 16:04

      Ormai analizziamo il DNA, ma in fondo non siamo ancora usciti del tutto dal Medio Evo... Viene alla mente l'Inquisizione...

      Report

      Rispondi

  • aloefragru

    28 Giugno 2014 - 11:11

    analizzare i peli e i capelli ora? Perché non subito trovando immediatamente la coincidenza tra quelli e il dna oppure cercando magari più persone anziché solo una con gli incroci del dna? Farlo oggi all'avvocato del diavolo fa pensare che qualcuno ce li abbia messi adesso per incastrare Bossetti. La prima istanza deve essere quella di vedere la genuinità del reperto, che deve essere provata.

    Report

    Rispondi

  • secessionista

    28 Giugno 2014 - 10:10

    Alfano spiegaci , convoca una conferenza stampa e spiegaci, aggiornaci, siamo impazienti per avere tue notizie......cretino.

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    28 Giugno 2014 - 10:10

    Che ogni giorno - dopo quasi 4 anni di analisi e verifiche - si scoprano nuovi indizi-prove a carico di Bossetti, non repertati o analizzati prima, la dice lunga sull'operato degli inquirenti e, mi sia concesso, anche sulla loro credibilità. L'impressione è quella d'aver trovato un poverocristo a cui affibbiare tutte le colpe, solo per nascondere la propria incapacità, come avvenuto in altri casi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog