Cerca

Assurdità della legge

Uccise la moglie, oggi ne prende la pensione

La legge non impedisce automaticamente la "indegnità a succedere" per l'assassinio del coniuge

Uccise la moglie, oggi ne prende la pensione

Due anni fa Massimo Parlanti ha ucciso la moglie Beatrice Ballerini, 42 anni, massacrandola di calci e pugni e strangolandola per poi fuggire coi soldi che lei aveva nel portafoglio per simulare una rapina. In un primo momento si finse stupito del ritrovamento del cadavere, poi confessò. Ora sta scontando 18 anni di carcere, ma prende il 60% della pensione della sua vittima, e ne avrà diritto a vita, mentre ai figli di 8 e 10 anni spetta solo il quaranta per cento.

Quasta assurdità è prevista dalla legge. O almeno, non è impedita. Perchè non esiste nel codice penale italiano un meccanismo automatico che prevede la dichiarazione di “indegnità a succedere” per l'assassino del coniuge. E così, oltre alla pensione, agli assassini spetta anche l’eredità di chi ammazzano. Ora il fratello della vittima ha lanciato una petizione su Change.org chiedendo di modificare la normativa vigente. "Deve esserci un meccanismo automatico che preveda la dichiarazione di “indegnità a succedere” per l'assassino del coniuge, che valga sia per l’eredità che per la pensione" dice. "Questo è quello che chiedo nel nome di mia sorella e di tutte le donne uccise".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rossini1904

    02 Luglio 2014 - 17:05

    Una volta tanto non prendiamocela con il Legislatore. Esiste infatti la legge n. 125 del 2011, approvata quando c’era ancora il governo Berlusconi, che stabilisce che non hanno diritto alla pensione di reversibilità i familiari dei superstiti che sono stati condannati per il delitto di omicidio in danno del pensionato. Il Legislatore, dunque, ci aveva già pensato.

    Report

    Rispondi

blog