Cerca

L'omicidio di Brembate

I peli sul corpo di Yara non sono di Bossetti

16
I peli sul corpo di Yara non sono di Bossetti

Svolta-choc nelle indagini in corso sull'omicidio di Yara Gambirasio: i risultati della perizia eseguita dai tecnici dell'Università di Pavia sul cadavere della ragazzina uccisa il 26 novembre 2010 hanno portato a un risultato inatteso: i peli umani rinvenuti sul corpo di Yara non sono quelli di Massimo Bossetti, l'uomo che da alcune settimane è in carcere perchè accusato di essere il killer della ragazza. Un elemento che rafforzerebbe l'ipotesi di un complice dell'assassino, o comunque di una seconda persona, sul luogo dell'omicidio. Al quotidiano "La Stampa", il dottor Carlo Previderà dell’Università di Pavia spiega di non ha trovato una corrispondenza tra i peli e i capelli trovati sul corpo di Yara quando venne scoperta morta da tre mesi nel campo di Chignolo d’Isola e il Dna del muratore di Mapello. Nel frattempo i Ris stanno facendo tutti i rilievi del caso sui due veicoli sequestrati al muratore di Mapello, una Volvo station wagon e un furgone Iveco Daily. 

Le dichiarazioni delle ginnaste - Un altro punto a favore della tesi difensiva secondo cui l'uomo e la vittima non si conoscevano arriva dagli interrogatori delle ginnaste che all’epoca dei fatti erano nella squadra di ritmica di cui faceva parte anche Yara. I militari del nucleo investigativo, rivela il Giorno, le hanno ascoltate mostrando loro la foto di Bossetti, che non è stato però riconosciuto. "Non lo abbiamo mai visto fuori dalla palestra, tantomento in compagnia di Yara", è stato il commento generale delle compagne. Stessa risposta è stata data da Daniela Rossi, la responsabile tecnica del settore ginnastica ritmica della Polisportiva di Brembate Sopra. "Mi è stato chiesto se conoscevo Bossetti, o se per caso l’avessi mai visto nelle vicinanze del palazzetto dello sport o a Brembate Sopra — racconta al Giorno— Cosa ho risposto? Che io il viso di quell’uomo l’ho visto per la prima volta sui giornali. Il nostro centro sportivo è frequentato ogni giorno da almeno un migliaio di persone. I nostri contatti sono soprattutto con i genitori delle atlete con i quali parliamo per lo più dell’attività sportiva delle rispettive figlie".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SalvoGS

    05 Luglio 2014 - 16:04

    GARANTISMO E CORRETTEZZA MORALE. Ho il fondato sospetto che dagli articoli e da alcuni commenti si voglia uno in galera , magari cercando riscontri che si incastrino . Lo chiameremo l'assassino di Yara ! Se le prove sono poche , cercheremo gli inevitabili complici ! Vogliamo farci scappare chi si è deciso sia l'assassino ?

    Report

    Rispondi

  • zhoe248

    04 Luglio 2014 - 16:04

    A mio avviso l'esame dei peli ha minore importanza in quanto potevano trovarsi già sul terreno dove è stata abbandonata la ragazzina o trasportati successivamente dal vento e appartenere a chiunque. Discorso ben diverso sono le tracce di materiale biologico rinvenuto sugli slip della ragazzina e riconducibili al 99,9999% al DNA di Bossetti. E poi, se c'era qualcun altro si decida a parlare.

    Report

    Rispondi

  • andrea.toscano757

    04 Luglio 2014 - 15:03

    Un brutto colpo per quaquaraquà Angelino, alias Ministro degli interni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media