Cerca

Il giallo di Brembate

Yara, Bossetti ha chiesto di essere interrogato per raccontare la sua verità

Yara, Bossetti ha chiesto di essere interrogato per raccontare la sua verità

Adesso vuole parlare. Massimo Bossetti ha deciso di raccontare la sua verità e ha chiesto al pm di essere interrogato. Desiderio che, rivela l'Eco di Bergamo, verrà soddisfatto martedì, in carcere, là dove è rinchiuso dal 16 giugno per l'omicidio di Yara Gambirasio.
Finora si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere, confrontandosi solo col gip per la convalida del fermo, ma adesso vuole chiarire quanto è emerso in questi giorni. La tenacia con cui si è difeso finora non lascia presagire ripensamenti sulla sua versione, piuttosto, avendo letto i giornali e visto i servizi in tv è probabile che voglia ribattere a ciò che è stato detto sulla sua vita.

Rivelazioni top secret - Difficile che vada a raccontare come il suo dna sia finito sui leggins e sulle mutandine di Yara, osservano Paolo Doni e Stefano Serpellini: questa è una carta che la difesa ha annunciato di volesi giocare a tempo debito, spenderla ora potrebbe essere prematuro. Anche alla luce degli elementi emersi nelle ultime ore: le amiche della palestra di Yara hanno raccontato di non aver mai visto il muratore fuori dal circolo sportivo e il furgone ripreso dalla telecamera il 26 novembre 2010 in via Rampinelli si è rivelato non essere quello di Bossetti. Due elementi che giocano a favore della tesi difensiva secondo cui l'uomo e la vittima non si erano mai conosciuti. Elementi ai quali va ad aggiungersi la consulenza sui peli trovati sulla ragazza, sia umani, sia animali (in questo caso non sarebbero state trovate tracce di Bossetti anche se i consulenti dell'Università di Pavia non hanno ancora concluso il loro lavoro). 

"Sono innocente" - La conferma arriva dal suo avvocato, Claudio Salvagni, che spiega come sia stato lo stesso Bossetti a chiedere di poter «dimostrare la propria estraneità nel  delitto di Yara Gambirasio». Secondo Salvagni dietro a questa  richiesta non vi sarebbe «nessuna ipotesi, peraltro rematura, di voler procedere con il rito abbreviato, ma solo la volontà di far emergere la verità». Bossetti, spiega il suo difensore, «vuole fornire indicazioni a suo discarico. Si tratta di un caso molto complesso -prosegue l’avvocato- che non può basarsi unicamente sulle prove del dna. Certo -osserva- il dna è importante ma non è una prova assoluta». In carcere Bossetti è molto provato, spiega il suo legale, «e certamente il fatto di essere in isolamento non lo aiuta. Tuttavia è abbastanza sereno e convinto ad andare avanti per questa strada, alla ricerca della verità che lo potrà scagionare da ogni accusa. In situazioni del genere, chiunque, a questo punto sarebbe crollato e avrebbe confessato ma lui -conclude Salvagni- non può confessare un delitto che non ha commesso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arwen

    05 Luglio 2014 - 14:02

    Scusate, ma sta stroria fa acqua da tutti i buchi, a cominciare dall'eventaule movente......

    Report

    Rispondi

  • agostino.vaccara

    05 Luglio 2014 - 13:01

    Probabilmente ora che l'impianto accusatorio comincia a fare acqua da tutte le parti, il Bossetti ritiene giunto il momento di parlare col Pm. La cosa sarà del tutto inutile perchè i magistrati inquirenti non avendo un colpevole alternativo si attaccheranno come sanguisughe a quello che hanno!!!

    Report

    Rispondi

    • bettely1313

      05 Luglio 2014 - 15:03

      eh si, molto probabilmente le cose andranno così, devono giustificare tutti i soldi che sono stati buttati per trovare il colpevole di Yara.

      Report

      Rispondi

  • blues188

    05 Luglio 2014 - 11:11

    Se risultasse innocente io farei causa ad Alfano, il supponente ministro sedicente laureato (a Bitonto).

    Report

    Rispondi

    • agostino.vaccara

      05 Luglio 2014 - 13:01

      Non è che a me Alfano faccia soverchia simpatia, tutt'altro! Però non vedo cosa c'entri in questo caso: lui si è limitato ad avere fiducia in quanto fatto dai magistrati inquirenti, sono ,pertanto, loro a dovere essere messi sotto accusa mica Alfano!!!!!!! Quel che è giusto, è giusto.

      Report

      Rispondi

      • bettely1313

        05 Luglio 2014 - 15:03

        soni d'accordo, Alfano non c'entra. L'annuncio dato da Alfano circa il presunto colpevole di Yara va interpretato, come stop al finanziamento per la ricerca del colpevole delle ragazzina. In altre parole il colpevole c'è o non c'è basta, arrangiatevi

        Report

        Rispondi

blog