Cerca

L'inchiesta

Yara, una ragazzina denuncia: "Anche io sono stata seguita da un furgone"

Yara, una ragazzina denuncia: "Anche io sono stata seguita da un furgone"

Massimo Giuseppe Bossetti ha chiesto di essere nuovamente interrogato dal pm sul caso Yara. Lo farà marted' 8 luglio: intende raccontare la sua versione dei fatti. Nel frattempo emerge un altro particolare nella complicata inchiesta sulla tredicenne di Bremate di Sopra. Secondo quanto scrive l'Eco di Bergamo una ragazzina che nel 2011 aveva undici anni denunciò ai carabinieri di Ponte San Pietro  di essere stata seguita da "un uomo col furgoncino".  Adesso queste affermazioni tornano a essere prese in considerazione dagli inquirenti: "A seguirmi era un furgoncino di quelli col cassone dietro". Proprio come l’Iveco Daily di Massimo Bossetti, in carcere con l’accusa di aver ucciso Yara Gambirasio. Il furgone di Bossetti - che si trova sotto sequestro in un’autorimessa dei Ris di Parma - sembra corrispondere alla descrizione. Le forze dell'ordine intendono sentire nuovamente Bossetti a attraverso i suoi tabulati telefonici capire a che ora fosse Bossetti alle 13,10 del 25 novembre 2010. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • attualità

    08 Luglio 2014 - 16:04

    Qui si rischia di fare una bruttissima figura a livello scientifico mondiale. Il DNA e' una cosa seria . Se si guarda la somiglianza del padre con Bossetti Massimo,sono due gocce d'acqua. Non c'e' dna che' possa "tenere". Quel presunto padre morto non ci azzecca niente .Bastava questo per farlo capire ai giudici.Si evitava l'ennesima figuraccia...

    Report

    Rispondi

  • Joachim

    08 Luglio 2014 - 11:11

    Adesso, tutte le ragazzine seguite d'Italia avevavo il furgoncino bianco di Bossetti alle calcagna. Giornalisti ipocriti scivendo queste dicerie non fate nessun buon servizio all'onestà dell'etica morale.

    Report

    Rispondi

    • fausta73

      10 Luglio 2014 - 11:11

      I genitori della ragazzina avevano fatto la denuncia, a suo tempo, ma i carabinieri non avevano dato molta importanza. Mi sembra che successe il giorno prima della scomparsa di Yara.

      Report

      Rispondi

  • Gios78

    07 Luglio 2014 - 18:06

    Coincidenze, segnalazioni tardive,dicerie. Prove vere zero. Siamo sicuri che sia giusto rovinare la vita di qualcuno su queste basi? Basta avere i tratti marcati, farsi le lampade e uscire la sera per essere sospettati di omicidio? Quanta gente dovremmo mettere in galera?

    Report

    Rispondi

  • luigifassone

    07 Luglio 2014 - 17:05

    L'unico auspicio che si può fare : che,al più presto,gli inquirenti,convalidati dai giudici,ne vengano a capo. Bossetti o non Bossetti ! Perchè qui (figurarsi poi i congiunti della poveraragazzina !) non ne possiamo più.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog