Cerca

Farefuturo difende Pannella

"Siamo tutti figli suoi"

Farefuturo difende Pannella

Siamo tutti figli di Marco Pannella. Così ‘Ffwebmagazine’, periodico online della Fondazione Farefuturo presieduta da Gianfranco Fini, esprime solidarietà al leader radicale e alle sue battaglie. “Forse con il tempo ci siamo tutti abituati a considerare gli scioperi della fame e della sete, le proteste e i comizi, nient'altro che 'teatrino della politica’. Ma dietro ognuna di queste battaglie, che si possono di volta in volta condividere o meno, c'è forse un po’ di narcisismo, ma nessun calcolo politico o elettorale - e la storia personale di Pannella e di tanti radicali lo dimostra con grande evidenza - e, soprattutto, non c'è nessun teatrino. C'è solo la politica, quella vera. Quella che rifiuta ogni forma di qualunquismo compromissorio o populista, che non nasconde i problemi sotto il tappeto, ma li solleva. Che non li attutisce, non li avvolge nell'ovatta, non li edulcora. Ma, anzi, li indica all'opinione pubblica, li sottolinea, li amplifica. Senza la paura di dividere, di creare discussione, di aprire un dibattito vero. E soprattutto senza la paura di creare dubbi”. Insomma, “a prescindere dalle idee politiche, dalle convinzioni religiose, o anche dalla simpatia personale, siamo tutti figli di Marco Pannella. Siamo tutti figli dei suoi referendum, dei suoi digiuni, dei suoi bavagli”. Ma “c'è la paura che questa battaglia sia l'ultima. Per questo è il momento di abbandonare l'indifferenza e la pigrizia. Perchè non si può lasciare da solo chi - come lo ha definito giustamente Macaluso - è un pezzo pregiato della nostra storia repubblicana”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ghorio

    25 Maggio 2009 - 08:08

    Poichè è saltato il nome della rivista della quale Filippo Rossi è stato redattore. Mi permetto dì puntualizare. Si trattava di"Italia Settimanale", la bella rivista fondata da Marcello Veneziani, che poi venne defenestrato per fare posto a Caprettini. In ogni caso ribadisco che non condivido la difesa di Pannella da parte di Farefuturo. Quanto ai settimanali di centrodestra, visto che siamo in tema, urge l'arrivo in edicola di qualche tipo di rivista, perchè, nonostante la schiacciante maggioranza in parlamento e tra gli elettori si nota la mancanza. Ci sono tante testate del passato che possono essere utilizzate per una nuova avventura editoriale. So che il mio è un sogno, ma ci spero sempre. Almeno sui settimanali di opinioni e impegno politico dovremmo imparare dai "cugini" francesi. L'appello è diretto soprattutto a Veneziani, visto la fondazione di "Italia Settinale e "Lo Stato". Di solito vale il detto non c'è due senza tre... Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    25 Maggio 2009 - 08:08

    "Il saggio muta consiglio,è lo stolto che resta sempre della sua opinione" ,Francesco Petrarca dixit . Deve averla presa alla lettera,Gianfranco Fini,questa massima pronunciata circa settecento anni fa. Però,a quell'epoca si viveva in media quarant'anni. A Fini,da buon cristiano,auguro di vivere fino a centoventi anni,ma anche se ne vivrà solo "una novantina" , quante opinioni opposte ci toccherà sorbire,una dopo l'altra ,nei prossimi quarant'anni ?

    Report

    Rispondi

  • LuigiFassone

    25 Maggio 2009 - 08:08

    Delle idee di Marco Pannella detto Giacinto condivido poco e punto. Sto con lui (non "talvolta" , ma una o due volte nella vita posso cambiare opinione anch'io) solo per la battaglia contro la pena di morte. "Il saggio muta consiglio,è lo stolto che resta sempre della sua opinione" ,Francesco Petrarca dixit . Deve averla presa alla lettera,Gianfranco Fini (che ispira "Fare Futuro),questa massima pronunciata circa settecento anni fa. Però,a quell'epoca si viveva in media 35/40 anni. A Fini,da buon cristiano,auguro di vivere fino a centoventi anni,ma anche se ne vivrà solo "una novantina" , quante opinioni opposte (Qui lo dico,domani lo nego) ci toccherà sorbire,una dopo l'altra ,nei prossimi quarant'anni ?

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    23 Maggio 2009 - 17:05

    Debbo dire che stimo Filippo Rossi, come ex redattore di , la bella rivista del bravo Marcello Veneziani, cancellata dai gandi strateghi del centrodestra, ma nella difesa di Pannella non condivido la posizione. Va bene che si sta seguendo a destra la tecnica di impossessarsi degli intellettuali di sinistra, vedi Pasolini, tanto per citare un nome di intellettuale famoso, salvo dimenticarsi degli intellettuali di destra, per i quali, a volte, vige la perenne dimenticanza, ma adesso, con Pannella si esagera. Le idee di Pannella sono infatti lontani anni luce da quelle della destra, del centrodestra e del moderatismo in generale. Si può essere solidali con Pannella sui "silenzi> televisivi, ma sono situazioni che si ripetono da decenni. Affrematre che "siamo tutti figli di Pannella" è una cantonata bella e buona. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog