Cerca

Giustizia è fatta

Silvio Berlusconi, la telefonata in lacrime ai figli dopo l'assoluzione

3
Silvio Berlusconi, la telefonata in lacrime ai figli dopo l'assoluzione

Dopo la notizia dell'assoluzione, ricevuta all'uscita dei servizi sociali di Cesano Boscone - e prima della festa tutta in famiglia con Francesca Pascale - per Silvio Berlusconi è stato il momento della gioia, della commozione. Stando a quanto racconta l'Huffington Post, ha preso il suo cellulare, e con la voce rotta dall'emozione ha chiamato i suoi figli: "Grazie, grazie...finalmente è stata ristabilita la verità". Poi una pausa, e ancora, con la voce rotta dall'emozione: "Tutta questa sofferenza, ora...ora guardiamo avanti". Una gioia enorme, che è però anche uno choc, per il Cav. Uno choc positivo: nonostante la fiducia dei suoi legali e del suo entourage, nonostante l'ottimismo, si aspettava una nuova bastonata delle toghe, l'ultimo colpo - quello definitivo, della magistratura. Poche parole, quelle di Berlusconi, ma sentite ed emozionate. Poi quella nota, diramata da Arcore, dove trovano diritto di cittadinanza anche delle frasi che, fino a poco tempo fa, nessuno si sarebbe aspettato di sentire dal leader di Forza Italia: "Un pensiero di rispetto va poi alla magistratura, che ha dato oggi una conferma di quello che ho sempre asserito: ovvero che la grande maggioranza dei magistrati italiani fa il proprio lavoro silenziosamente, con equilibrio e rigore ammirevoli".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gigigi

    19 Luglio 2014 - 20:08

    Condivido in toto i sentimenti manifestati dall'Uomo Imprenditore, Politico e Familiare: tutto cio', me lo hanno reso piu' simpatico! Mentre prego, invece, per tutti quegli altri, che pur di manifestare disprezzo per chi non la pensa come loro, spara improveri e condanne nei confronti di una Magistratura che ha saputo distinguere e riconoscere la Verita'. E' proprio il caso di dirle: BRAVISSIMA!!

    Report

    Rispondi

  • gigi0000

    19 Luglio 2014 - 17:05

    Uno di noi: una persona normale con gioie, dolori e sentimenti degli uomini veri. I bastardi antiberlusconiani a prescindere meriterebbero la palla al piede e lavori forzati a vita.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    18 Luglio 2014 - 22:10

    cari Berlosconi, è ora che portiate in Svizzera le vostre azienda, lasciate che l'Italia se la veda con i galantuomioni, maschi e femmine, che rappresentano la magistratura in italia. che vadano in miniera

    Report

    Rispondi

media