Cerca

L'odissea si è conclusa

Costa Concordia, il relitto è arrivato al porto di Genova. Renzi: "Non c'è niente da festeggiare"

La Costa Concordia nei pressi di Genova

L'ultimo ritardo, l'ultimo impiccio per la Costa Concordia: quando mancavano meno di tre miglia nautiche in linea d’aria, la forte tramontana ha rallentato le operazioni. Ma il relitto, ormai, è arrivato al porto di Genova. Anzi ci è arrivato, alla fine, con due ore di anticipo. Tirato dal rimorchiatore Blizzard, alle 5.59 il relitto ha iniziato la sua marcia di avvicinamento al porto della città ligure, rallentato dal forte vento. I piloti del porto di Genova sono poi saliti a bordo della Concordia, e uno dei rimorchiatori di prua, il Resolve Earl, è stato scollegato dall'imbarcazione e sostituito da uno dei rimorchiatori portuali a poppa. Quindi l'arrivo nella città ligure, la fine di una lunga e drammatica odissea.

Tutti a bordo - L’amministratore delegato di Costa Michael Thamm è salito a bordo della Concordia per ringraziare il salvage master Nick Sloane e agli altri ufficiali che hanno portato il relitto a Genova. L’attracco è avvenuto alle 14 di oggi, domenica 27 luglio. In precedenza si temevano ritardi consistenti: "Le operazioni sono iniziate e in questo momento abbiamo un vento intorno ai 20 nodi - sottolineava il capo della protezione civile, Franco Gabrielli -. Stiamo verificando quanto possa intervenire sulle operazioni e potrebbe dare un piccolo ritardo nel programma". Un calvario, insomma, che comunque si è concluso senza gravi problemi: "Il buon esito di questa impresa è il frutto dell’intesa tra le istituzioni pubbliche e una società privata che non ha mai fatto mancare la necessaria collaborazione", ha concluso Gabrielli.

"Tir coi freni tirati" - Il capitano di fregata, Giovanni Calvelli, parlando delle difficoltà dei lavori aveva spiegato: "E’ come spostare un tir con i freni tirati, servono molta potenza e prudenza". Calvelli, portavoce della Guardia Costiera di Genova, spiegava così i tempi lunghi per portare il relitto al porto di Voltri. La Costa Concordia, aggiunge "è senza motori e soprattutto è frenata dai 30 cassoni che la fanno galleggiare, e che la rendono poco manovrabile. Ecco perché saranno necessarie dalla 6 alle 8 ore per completare l’attracco".

"Visto, francesi?" - Baldanzoso il ministro dell'Ambiente, Gianluca Galletti: "I francesi devono imparare a fidarsi un po più di noi italiani, l’operazione Concordia è andata molto bene, avevamo preparato tutte le precauzioni. Non c’è stato alcun inquinamento". In porto arrivano dunque 200mila tonnellate di relitto. Quando anche il secondo rimorchiatore oceanico, il Blizzard, si è staccato è toccato a quelli più piccoli entrare in azione. Ad accogliere la Concordia c'era anche il premier prezzemolino, Matteo Renzi, che in precedenza aveva dichiarato: "L'operazione di recupero non era facile, l'ha fatto l'Italia che, quando ci si mette è capace di fare veramente di tutto, anche di stupirci in positivo".

"Niente da festeggiare" - Arrivato al porto via mare insieme alla moglie Agnese e ai figli, dopo l'arrivo della Concordia Renzi ha preso la parola: "Abbiamo dimostrato di poter essere reattivi e soprattutto attrattivi per gli investimenti internazionali". Quindi i ringraziamenti a "chi ha fatto l'impresa, anche se oggi non c'è niente da festeggiare". Il premier, dopo aver ricordato le vittime della tragedia, ha ammesso che "l'errore è sato dell'Italia, e questo sarà definito in sede penale". Ma, ha concluso, "quello che è stato fatto ora con il recupero del relitto non era mai stato fatto prima".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • apostrofo

    28 Luglio 2014 - 00:12

    Certo che i francesi ci sono rimasti male ! Già schierati e pronti a piantare la grana per qualche goccia di olio. I pescatori corsi volevano essere interpellati per decidere lo spostamento della Concordia . Pensate un pò. La solita Europa, sempre solidale .... col fucile puntato verso l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • primus

    27 Luglio 2014 - 13:01

    Sostituiamo la festività della discordia, il 25 aprile, con la festa della Concordia, il 27 aprile, l'Italia di oggi, 2014, è questa

    Report

    Rispondi

  • alerione

    27 Luglio 2014 - 11:11

    Dopo tre giorni di black out ritornate parlando di un problema (tra l'altro meteo). Ci fossero stati i due maneggioni berlusconi e bertolaso sareste (come al solito) a novanta gradi. Ancora una volta avete dimostrato quanto siete scarsi, faziosi e miserabili. Mi fate ribrezzo come giornalisti e come persone.

    Report

    Rispondi

blog