Cerca

La beffa

Il museo dei Bronzi di Riace: 32 milioni per restaurarlo, incassa 840 euro al giorno

Il museo dei Bronzi di Riace: 32 milioni per restaurarlo, incassa 840 euro al giorno

I Bronzi di Riace sono da qualche giorno al centro di una polemica che vede protagonista Vittorio Sgarbi e la sua proposta di trasferire i due capolavori a Milano per la durata dell'Expo del 2015. Sgarbi, recentemente nominato da Roberto Maroni "ambasciatore della Regione Lombardia per le belle arti", aveva accennato l'idea di voler spezzare le catene che tengono legati i Bronzi alla Calabria e di trasferirli temporaneamente a Milano. Dal museo di Reggio Calabria risuona un secco no.

Il museo di Reggio Calabria - I Bronzi di Riace si trovano nel Museo nazionale archeologico di Reggio Calabria, fresco di restauro. Dal 2009 al dicembre del 2013 è rimasto chiuso per un intervento costato 32 milioni di euro. Un progetto mastodontico che, purtroppo, non viene ripagato dalle visite. Come riportato da Paolo conti sul Corriere della Sera, nel primo quadrismestre di quest'anno i visitatori paganti sono stati 21,407 per un incasso complessivo di quasi 101mila euro. Se contiamo anche i non paganti, invece, si arriva a superare i 57mila. Se si divide l'incasso per sette (il Museo è aperto tutta la settimana dalle 9 alle 19) si arriva a un incasso giornaliero di 840 euro. "Forse stupirò qualcuno, ma mi ritengo soddisfatta dei risultati" spiega la sovrintendente Simonetta Bonomi al Corriere della Sera. Insomma, continua il mistero dell'Italia: un paese in cui l'arte dovrebbe essere il cavallo di battaglia, e invece viene quasi ignorata. La Bonomi non sembra invidiare il Louvre, la sua Gioconda e soprattutto i suoi 9,3 milioni di visitatori che fanno guadagnare alla struttura il titolo di museo più visitato del mondo. Riguardo al museo calabrese la Bonomi continua: "Mi auguro di non superare mai i 240mila ingressi perché le visite ai Bronzi di Riace hanno limitazioni di tempo e quindi il museo soffre spesso per l'inevitabile usura causata dai numeri, soprattutto dalle scolaresche. Difficile mantenere pulita e in ordine una struttura simile". Peccato che così non si ripagheranno mai quei 32 milioni spesi per il restauro.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    11 Agosto 2014 - 04:04

    Questi sono i guadagni dell'italia con i suoi ottimi affari.Se ciò fosse avvenuto nell'area privata si sarebbero consumate le suole delle scarpe a suon di prendere a calci quelle teste di c***o che degli affari sono manager.Però ad essere cattivi e a pensare male,mi verrebbe da dire"chi si è fregato i soldi?"

    Report

    Rispondi

  • andreamanti1974

    05 Agosto 2014 - 00:12

    Ma quante cazzate che spara sta Bonomi: Non vuole superare i 240 mila ingressi perchè i Bronzi si consumerebbero !!!! Se questa teoria ha un senso allora cosa resterebbe della Gioconda con i suoi 9,3 milioni di visitatori l' anno. Povera Calabria in che mani siamo e soprattutto in che mani l' abbiamo messa. La colpa è solo nostra!!!

    Report

    Rispondi

  • fratello

    03 Agosto 2014 - 00:12

    Ma quanti vanno a Reggio Calabria per turismo? Se fossero a Roma, Firenze, Venezia produrrebbero ben altri incassi! E' così difficile da capire?

    Report

    Rispondi

  • laghee

    02 Agosto 2014 - 17:05

    lo stato incassa 840 euro al giorno, il resto lo incassano gli addetti !!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog