Cerca

Rivoluzione tecnologica?

Scuola, altro flop del portale:
iscrivere i figli è un'impresa

Dopo il tilt della vigilia, il sito del Miur era irraggiungibile anche in mattinata. Il maggior numero di richieste in Lombardia, il minimo registrato in Basilicata

Miur, il portale per le iscrizioni

Miur, il portale per le iscrizioni

Doppio flop. Dopo il tilt della vigilia, il sito per le iscrizioni scolastiche era inaccessibile anche nella mattinata di martedì 22 gennaio. Un fallimento per il sito del ministero voluto dall'ex ministro Francesco Profumo. Eppure il Miur esprime la sua soddisfazione "per l'avvio del processo di registrazione telematica che per la prima volta nella storia della scuola consente alle famiglie di effettuare le iscrizioni alla scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado esclusivamente in rete". Sul fatto che "permette l'iscrizione", però, ci sarebbe qualcosa da eccepire: il sito è pressoché sempre irraggiungibili, e soprattutto il 50% delle famiglie che deve iscriversi non ha in casa un personal computer.

Le cifre - Il Miur, inoltre, ha reso noti i dati relativi alla prima giornata delle iscrizioni scolastiche online, aggiornati alle 19 di lunedì 21 gennaio: sono state inserite 23.179 domande, il sito ha avuto 1.529.936 accessi con picchi notevoli, in particolare tra le 8 e le 13. Sono stati proprio questi picchi a far "crashare" il portale. Nel dettaglio, le Regioni dove si è registato il più elevato numero di domande inserite sono la Lombardia (14.248 domande), il Lazio (6.403), il Veneto (4.581) e il Piemonte (4.348). Il numero più basso in Molise (68) e Basilicata (105).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    23 Gennaio 2013 - 07:07

    Si sono chiusi tutti gli uffici, obbligando la gente a rivolgersi ad un sito che non funziona, rischiando di perdere l'anno scolastico. Quindi, a causa dell'incompetenza di qualcuno si mettono nei guai migliaia di persone. Appunto, una fornerata.

    Report

    Rispondi

  • RobertPaul

    23 Gennaio 2013 - 01:01

    ignoranza stupida di chi non ha previsto il flusso di richieste ( manco l' avessero deciso gli utenti di fare le iscrizioni online ). ignoranza ingenua degli utenti che hanno provato a fare l' iscrizione da subito senza prevedere la probabilissima impreparazione del meccanismo

    Report

    Rispondi

  • EmanueleS

    22 Gennaio 2013 - 19:07

    Che sia una mossa voluta? Se gli alunni non riescono ad iscriversi per tempo, non frequentano e perdono anni di scuola, come la mettiamo? E' risaputo che una grande massa di ignoranti è più facilmente controllabile... questa è una delle strategie che sta alla base delle dittature di ogni tipo. Infine, sorge spontanea la domanda, chi ci ha veramente governato negli ultimi 13 mesi?

    Report

    Rispondi

blog