Cerca

L'inziativa

Case in vendita a un euro

Case in vendita a un euro

Basta un euro per comprare una casa. Sembra uno scherzo, ma invece è davvero possibile diventare proprietari di immobili investendo una cifra simbolica grazie alla decisione presa da alcuni Comuni sia del Nord che del Sud per recuperare alcuni ruderi dal degrado e dall'abitazione. Per ora è possibile a Salemi in provincia di Trapani (l'idea fu dell'allora sindaco Vittorio Sgarbi per cercare di arginare l'abbandono del centro storico ancora segnato dal terrimoto del Belice), Gangi (Palermo) e Carrega Ligure (Alessandria). Le abitazioni sono di proprietà di privati che le affidano 

Lo scopo - Si tratta di case di privati che "usano" il Comune come intermediario: chi vuole acquistarle deve solo assumersi gli oneri di ristrutturazione. I tre Comuni che hanno preso la decisione hanno obiettivi diversi, quello del Comune di Gangi è di recuperare il centro storico: e, grazie alla cessione al prezzo di euro, sono state già vendute quattro case e altre stanno per essere cedute. Si tratta di case "a castello" che si sviluppano su anche su quattro piani.  Come dicevamo, a Salemi l'iniziativa era partita per recuperare il centro storico, mentre nel caso di Carrega Ligure, l’iniziativa "casa ad 1 euro"  prevede che gli interventi di ristrutturazione siano fatti nel rispetto delle caratteristiche dell’architettura locale e dell’ambiente costruito in cui si inseriscono e ha lo scopo di combattere lo spopolamento del paese.

Come si compra - Non è necessario essere residente nel Comune in cui si deve comprare. L'acquirente deve assumersi tutte le spese notarili, di voltura e di registro, entro un anno deve presentare un progetto di ristrutturazione dell'immobile e, dopo aver ottenuto il permesso dal Comune, avviare i lavori di ristrutturazione entro due mesi. In più, è in genere richiesta la stipula di una polizza fideiussoria.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sestu.michele

    08 Agosto 2014 - 17:05

    Sono fandonie. All'indirizzo email indicato non risponde nessuno.

    Report

    Rispondi

  • messaggiatore

    07 Agosto 2014 - 13:01

    a queste condizioni, significa pagarla 5-6 volte in più del valore reale dell' immobile, oltre al all'obbligo di rispettare la pianta originale e col rischio di un'eventuale sima. Ne vale proprio la pena?

    Report

    Rispondi

  • rintintin

    06 Agosto 2014 - 16:04

    be Tulliani l'ha presa a Montecarlo da Fini a nemmeno un euro.....visto ...dopo dicono che Montecarlo è cara....

    Report

    Rispondi

  • immobiliarefini

    05 Agosto 2014 - 13:01

    considerando che si tratta di zone sismiche imporre la ricostruzione rispettando la pianta originale comporta costi alti case "a castello" di 4 piani antisismiche. Sarebbe stato DIVERSO e a tutto vantaggio di chi compra e del Comune se si dava la possibilita' di ristrutturare utilizzando ad esempio il legno 500 euro mq contro 1.100/1200 euro durata certificata e antisismica idem.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog