Cerca

Rapite

Roberto Andervill e l'associazione che ha mandato Vanessa e Greta in Siria

Roberto Andervill e l'associazione che ha mandato Vanessa e Greta in Siria

 

"A nome del Progetto Horryaty vorrei dire che non saranno rilasciate dichiarazioni a nessuno. Tutte le informazioni sul Progetto sono su questa pagina. Tutte le altre informazioni, ammesso che ce ne siano, non saranno divulgate. Non saranno tollerati commenti di nessun genere 
Questo Progetto continuerà a esistere appena Greta e Vanessa saranno di nuovo con noi. Grazie per il sostegno". E' il messaggio che si trova sulla pagina Facebook del Progetto, scritte da Roberto Andervill, un fabbro di 46 anni che, come scrive Gianni Micalessin su Il Giornale, dichiara di essere aver studiato alla "scuola della vita". Nella foto su facebook indossa una kefiah e scrive frasi del tipo: "Allam, Ferrara, Pacifici e Di Segni. Poker di merde" o ancora "un giorno pagherete tutto merde sioniste".

Peso dell'ideologia - mTutto questo per dire che la presenza di un soggetto simile dento una Onlus "non fa pensare a un'associazione umanitaria, neutrale e indipendente stile Croce Rossa, ma piuttosto a un'organizzazione ideologicamente schierata, quasi militante. Il che non è un delitto ed è assolutamente lecito. Ma cercar di decifrare gli eventi del mondo attraverso il filtro dell'ideologia rischia di regalare pericolose allucinazioni. E questa è la principale responsabilità del cattivo maestro Roberto Andervill". Maestro che adesso al sicuro mentre Greta e Vanessa chissà dove sono finite. Le due ragazze sono partite animate dall'entusiasmo e della passione dei loro vent'anni lui invece avrebbe potuto fermarle. Perché -come osserva Micalessin - in Siria da oltre due anni e mezzo non esiste più alcuna lotta per la libertà. Una terra dove vige solo la spietata legge dei gruppi jihadisti pronti a massacrare chi non la pensa come loro e a rapire chi arriva con l'errata convinzione di poter aiutare". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • enzoruggieri

    20 Gennaio 2015 - 16:04

    Dopo aver letto l'articolo è facile presumere che Greta e Vanessa fossero state plagiate.

    Report

    Rispondi

  • calzafer

    19 Gennaio 2015 - 11:11

    Altro che fabbro, per vivere si è inventato , come molti italiani una onlus. In Italia decine di migliaia di italiani campano di onlus, c'è ne' per tutti i gusti.

    Report

    Rispondi

  • marari

    18 Gennaio 2015 - 09:09

    La magistratura deve indagare questo individuo, la pseudo onlus da lui guidata, altro non è che una organizzazione pro combattenti islamisti vicini ad alQaeda (la Free Syrian Army). Quindi nulla di umanitario. Le due cooperanti, sono andate ad aiutare questa organizzazione, che difatti, da organizzazione criminale quale è, le ha rapite per avere in cambio denaro ed altro.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    16 Gennaio 2015 - 08:08

    Il volontariato vero si fa attraverso associazioni serie, tipo Croce Rossa. Le Onlus alla Andervill sono associazioni terroristiche e chi vi aderisce è terrorista o cretino. Non so a quale delle due categorie appartengano le due ragazze ed i loro genitori. In ogni caso erano partite a loro rischio e pericolo. Il pagamento del riscatto è una mascalzonata. Non ho mai votato Lega, ma sono tentato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog