Cerca

Colpo clamoroso

Modena, rubato da una chiesa il capolavoro del Guercino. Vittorio Sgarbi: "Danno da 6 milioni di euro"

Modena, rubato da una chiesa il capolavoro del Guercino. Vittorio Sgarbi: "Danno da 6 milioni di euro"

Un furto in chiesa da 6 milioni di euro a Modena: dalla chiesa di San Vincenzo, in pieno centro, è stata trafugata la preziosissima pala d'altare firmata dal Guercino, la Madonna con i santi Giovanni Evangelista e Gregorio Taumaturgo, un olio su tela di quasi tre metri per 1,80 metri. Il capolavoro del pittore emiliano del Seicento era rientrato pochi giorni fa dal prestito alla Reggia di Venaria Reale di Torino per una mostra. Si tratta del più grave della serie di furti di cui sono state vittima molti luoghi di culto modenesi nelle ultime settimane: da Polinago a Formigine, da Fiorano a Frassinoro molte chiese di campagna sono state saccheggiate di calici e arredi sacri. Ma il furto del Guercino è un'altra cosa.

Sgarbi: "Perché non c'era l'allarme?" - "In quella chiesa non c'era un sistema d'allarme - denuncia il critico d'arte Vittorio Sgarbi -, com'è possibile che la soprintendenza abbia permesso che un'opera così preziosa rimanesse lì senza sicurezze?". Dito puntato, dunque, sulle gravi responsabilità della soprintendenza, che però si difende: "Ci sono problemi enormi di economia e di risorse per tutelare l'immenso patrimonio artistico del nostro territorio. Magari avessimo le risorse per mettere l'allarme ovunque". Secondo Sgarbi, come riporta l'HuffingtonPost, è improbabile si tratti di ladri d'arte, professionisti nel "piazzare" la refurtiva sul mercato nero dei collezionisti: "Non ci può essere un committente, nessun museo e nessun privato la comprerebbe mai - spiega -, secondo me questo furto può essere solo opera di una banda di stranieri inconsapevoli, gente che non sa nulla delle leggi di mercato e che forse pensa di chiedere un riscatto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    14 Agosto 2014 - 11:11

    Ha ragione Sgarbi a indignarsi per il furto di un quadro del Guercino.IL parroco della parrocchia é veramente un 'idiota ,cretino, imbecille',tenere un quadro di tanto valore esposto in una chiesa aperta con le telecamere spente o senza ,non ricordo,perchè costa troppo. Se il costo di videosorveglianza è alto rispetto all'opera,doveva metterla nel caveau della banca ed esporne una copia.

    Report

    Rispondi

  • ioferdy

    14 Agosto 2014 - 10:10

    Committenti privati ce ne sono e come, sceicchi o magnati su commissione che la terranno nascosta fino alla prescrizione, 5 o 10 anni o chiusa nelle loro collezioni private anche per generazioni

    Report

    Rispondi

blog