Cerca

Il caso

Muore un trans: la famiglia la seppellisce vestita da uomo e il mondo Lgbt insorge

Nicole

Si chiamava Nicole, è morta a 37 anni, ed era un transessuale. Alla sua morte la famiglia, di Avenza (Carrara), ha deciso di vestirla da uomo prima di farla seppellire. Una decisione, quella dei suoi parenti più stretti, che ha però fatto insorgere il mondo Lgbt e gli amici di Nicole. In una nota congiunta le associazioni Consultorio transgenere, Mit, Mondo Arcobaleno Lbt e Movimento la qualità della vita hanno scritto: "La famiglia non è stata in grado nemmeno nel momento doloroso del trapasso di rispettare Nicole per quello che era, per quello che da sempre attraverso il suo modo di vivere, di riconoscere che il suo essere coerentemente donna giorno per giorno non era legato ad un capriccio ma era più grande di lei e apparteneva al suo genere". E ancora, prosegue la nota: Nicole "ha vissuto i suoi ultimi vent'anni con orgoglio e determinazione. Essere trans le ha dato quella dignità che sentiva essere sua". Anche su Facebook decine di amici della trans hanno manifestato la spessa opinione, condividendo il comunicato sulla pagina di Regina Satariano, referente toscano del Movimento Identità sessuale.

Avenza, Carrara, MS, Italia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Megas Alexandros

    23 Agosto 2014 - 11:11

    Almeno ha lasciato questo porcilaio di mondo in abiti adatti alla sua natura! Riguardo al mondo LGBT non mi pronuncio perché potrei arrivare ad affermare cose inaudite contro questi porci!

    Report

    Rispondi

  • ludvig53

    23 Agosto 2014 - 09:09

    giacca ,cravatta e minigonna oppure inverso a seconda di dove si è fatto operare

    Report

    Rispondi

  • blu_ing

    23 Agosto 2014 - 08:08

    purtroppo devi contraddire marilyvale... Dio è si misericordioso, ma è anche giusto e quindi assegna le giuste pene ! a noi certamente non è dato sapere chi va e chi non va in paradiso, ma sicuramente all'inferno qualcuno c'è, quindi domanda chi ci va? San Paolo elenca una serie di candidati, se gli si da torto gli si potrebbe dare torto su tutto e quindi si potrebbe minare le basi della chiesa

    Report

    Rispondi

  • marilyvale.46

    22 Agosto 2014 - 20:08

    Dio accoglie con amore tutti i suoi figli indistintamente.i genitori sono condizionati dall'opinione pubblica

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog