Cerca

La fuga

Sardegna: altri 50 immigrati abbandonano l'hotel a tre stelle con piscina

Sardegna: altri 50 immigrati abbandonano l'hotel a tre stelle con piscina

Un'altra fuga da un resort. Allo Janas Village di Sadali la piscina e l'aria condizionata agli immigrati dirottati in Sardegna non bastano. Dopo le proteste della settimana scorsa, un'altra cinquantina di extracomunitari hanno deciso di allontanarsi dalla struttura. I nuovi arrivati, famiglie di siriani, palestinesi, cittadini del Mali, un sudanese e un eritreo, hanno deciso di allontanarsi dal paese che dista oltre due ore d’auto da Cagliari, bollato come "troppo isolato". Solo quattro, secondo quanto si apprende, sono rimasti nell’albergo. A differenza dei 26 migranti malesi e dei 21 nigeriani protagonisti della clamorosa protesta della scorsa settimana, trasferiti con un pretesto da Napoli e già in possesso di un permesso di soggiorno provvisorio, i nuovi immigrati non avevano presentato nessuna richiesta di asilo perchè probabilmente lo faranno in uno dei Paesi del Nord Europa dove sperano di ricongiungersi a qualche familiare. E così è scoppiata ancora la polemica. Il deputato di Unidos Mauro Pili attacca: "Siamo davanti alla più vergognosa gestione dell’immigrazione da parte dello Stato, che manda in Sardegna centinaia di immigrati senza sapere dove li manda e senza criterio" e poi incalza Alfano: "il ministro dell’Interno deve dire subito tutto quello che è successo e assumersene la responsabilità o indicare chi è il responsabile di tale gestione. È grave il fatto che sia stata scelta una località senza valutare tutte le possibili conseguenze". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Giustopeppe

    27 Agosto 2014 - 12:12

    Sono contento che lascino la Sardegna, mi dispiace solo che vadano a far casino da qualche altra parte d'Italia, tutti fuori dal territorio italiano, una volta per tutte. eventualmente vengano aiutati a casa loro fornendo alle loro famiglie badili picconi trattori e quant'altro per dissodare la loro terra invece di far figli come le mosche tanto c'è pantalone che manda qualche soldino

    Report

    Rispondi

  • roberto.battista

    26 Agosto 2014 - 22:10

    Mi pare che gli italiani si siano scordati di essere in quasi 60 milioni in Italia e circa 80 milioni emigrati all'estero. Immaginarsi se le altre nazioni si stufassero degli italiani ladri, mafiosi, truffatori, incapaci di rispettare le regole, sempre pronti a sfrutttare servizi sociali, e li rimandassero in Italia...

    Report

    Rispondi

  • roberto.battista

    26 Agosto 2014 - 22:10

    Intanto politici, banchieri e mafiosi continuano ad arricchirsi alle vostre spalle. La nazione non funziona? Colpa degli immigrati, mica sarà colpa dei politici, o dei cittadini che non pagano le tasse, o di quelli che piangono miseria e poi hanno lo yacht, ovvio, qualche centinaio di euro che di aiuto agli immigrati rovinano la nazione, i milioni che si rubano i politici vanno benissimo.

    Report

    Rispondi

  • nick2

    26 Agosto 2014 - 13:01

    Tizi04, tu chiacchieri, io ho i dati. A fronte di 435mila domande d’asilo presentate nel 2013, la Germania ne ha raccolte 127mila, pari al 29% del totale, seguita dalla Francia, con 65mila (15%), dalla Svezia con 54mila (13%) e dal Regno Unito con 30mila (7%). Segue l’Italia con 28mila domande, solo il 6% del totale. Non ti riporto i link altrimenti sforo, ma li puoi trovare facilmente.

    Report

    Rispondi

    • roberto.battista

      26 Agosto 2014 - 22:10

      Infatti l'Italia è il paese col numero e percentuale di immigrati più basso d'Europa insieme a Grecia e Spagna. Ma non fa comodo dirlo, se no come si fa a spaventare quelli che credono a tutto senza controllare. Poi magari si accorgono che il problema non sono gli immigrati ma i governanti, allora si che sarebbe un problema!

      Report

      Rispondi

      • 61anacleto

        28 Agosto 2014 - 00:12

        si peccato pero' che forse lei non si e' accorto che in italia son diversi anni che c'e' una tremenda crisi di lavoro....mi dice cosa gli fa fare a tutti gli immigrati clandestini?li smista tra le varie regioni italiane cosi diluisce il problema?guarda un po' le nazioni che lei cita son piu o meno nelle nostre stesse condizioni!

        Report

        Rispondi

Mostra più commenti

blog