Cerca

la jihad in casa nostra

Terrorismo, Angelino Alfano: "Italia nel mirino dell'Is"

Angelino Alfano

Un quadro angosciante, quello tracciato da Angelino Alfano. "L'Italia - spiega il ministro dell'Interno - non occupa un posto secondario tra gli obiettivi del terrorismo internazionale". Nel mirino, su tutto, c'è "Roma, culla della cristianità". Così il leader dell'Ncd in aula alla Camera, dove ha sottolineato che, comunque, "al momento non si registrano evidenze investigative su progetti diretti contro l'Italia". Il titolare del Viminale aggiunge che "ora non ci sono segnali di rischio, ma la guardia resta alta. Non bisogna minimizzare". Alfano sottolinea ancora la necessità della "massima vigilanza per interpretare ogni segnale premonitore".

Occhio alle moschee - Nelle settimane in cui lo Stato islamico dell'Is sta terrorizzando il mondo, spiega Alfano, è "alta" l'attenzione sui centri di aggregazione religiosa in Italia, le "514 associazioni e 396 luoghi di culto, e le 4 moschee di Roma, Milano, Colle Val d'Elsa e Ravenna". Il ministro spiega che l'Is può disporre di una forza che oscilla tra i 10mila e i 100mila uomini. "La maggiora parte dei volontari stranieri in Siria e in Iraq - spiega - proviene dai Paesi circostanti, una parte sono ceceni. Si parla della presenza di molti occidentali, ma le stime sono oscillanti, è difficile avere notizie certe". Di sicuro, snocciola i dati i titolare del Viminale, sono 48 le persone transitate dal nostro Paese per recarsi in Siria, ma solo due di loro sono di nazionalità italiana (uno è Giuliano Del Nevo, il genovese morto ad Aleppo nel giugno 2013; l'altro è un marocchino naturalizzato italiano".

Clandestini e terrorismo - La minaccia del terrorismo, spiega ancora, viaggia di pari passo con gli arrivi dei clandestini. "Punto di particolare delicatezza - riprende Alfano - è quello degli sbarchi. Potrebbero giungere persone legate alla minaccia del terrorismo. Se è vero che ad oggi non è stata rilevato nessun rischio concreto in questo senso, non si può neanche escludere. Quanto fatto dall'Is - continua - ci spiega che il lungo cammino della democrazia nel mondo non è ancora concluso. Compito del governo è fare dell'Italia un paese sicuro, ce la metteremo tutta e ce la faremo", ha concluso il suo intervento sulla minaccia globale del terrorismo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    01 Dicembre 2014 - 16:04

    Ma va a raccontar minkiate alla madrassa.

    Report

    Rispondi

  • salvbra

    29 Settembre 2014 - 19:07

    Misure severe fai ridere ! <Nui parimm a casa ro fess accomadatevi prego> questi vengono commettono i delitti più atroci, perchè sanno che possono delinquere per poi essere impuniti !

    Report

    Rispondi

  • cabass

    11 Settembre 2014 - 20:08

    Troppa grazia Sant'Antonio! I terroristi sanno bene quanto valgono i nostri politici, per cui non perderanno tempo con loro... Stiamo in guardia!

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    10 Settembre 2014 - 09:09

    Bravo Angelino,finalmente te ne sei accorto.Però non si può nemmeno dire che sia stato sempre con le mani in mano,poichè,in questi ultimi tempi è riuscito ad arrestare si e no una decina di scafisti. E vi pare poco,perbacco? Mah!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog