Cerca

Il 17enne ucciso

Napoli, autopsia sul corpo di Davide Bifolco: "Pallottola dall'alto al basso, colpo al petto e non alla schiena"

Napoli, autopsia sul corpo di Davide Bifolco: "Pallottola dall'alto al basso, colpo al petto e non alla schiena"

Nessun colpo alle spalle, Davide Bifolco è stato ucciso con un colpo di pistola al petto. E' il risultato dell'autopsia sul corpo del 17enne di Napoli ucciso giovedì notte nel rione Traiano da un carabiniere. Ad eseguire l'esame è stato il professor Massimo Esposito, nell'Istituto di Medicina legale dell'Università Federico II presso il Secondo Policlinico. Eseguiti anche la Tac e un prelievo cutaneo, come richiesto dal legale della famiglia Bifolco, l'avvocato Fabio Anselmo. Il proiettile è entrato nel petto a poca distanza dalla spalla, nella "regione toracica anteriore sinistra ed è uscito tra la settima e l'ottava vertebra a destra". Altro punto importante risultato dall'autopsia è che il ragazzo sarebbe stato colpito "dall'alto verso il basso" con una "inclinazione molto forte". Due le ipotesi: o il 17enne era caduto in terra oppure il carabiniere era molto vicino al ragazzo. 

Il legale di Bifolco: "Soddisfatto" - "Alle 12.30 ho assistito insieme con i consulenti all'esame esterno del cadavere - dice lo stesso Anselmo -. Sono sereno perché per la prima volta noto con soddisfazione che a differenza di altre situazioni vi è un totale accordo tra i consulenti: l'esame ha evidenziato il foro d'entrata del proiettile in petto ed il foro d'uscita alla schiena. Questo elemento ed il risultato della Tac di ieri sono punti di partenza molto solidi per le successive indagini. Ma ritengo assolutamente prematuro e completamente sbagliato trarre conclusioni a conferma o a smentita delle varie tesi". Secondo Salvatore Pane, avvocato del carabiniere che ha sparato a Davide, "non ci sono elementi che smentiscano la ricostruzione data dal mio assistito". "E' l'ulteriore conferma che erano stare fatte speculazioni e che il colpo non è stato esploso mentre scappava, ma è partito in maniera accidentale". La versione dell'agente, dunque, non cambia: "E' inciampato sul marciapiede trascinato dal guidatore dello scooter". Sul motorino, nel frattempo, pare definitivamente smentita la presenza di Arturo Equabile, il latitante sulle cui tracce erano i carabinieri: "Io non c'ero, dirò tutto agli inquirenti", ha confermato lo stesso giovane in un'intervista al Fatto quotidiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigifassone

    12 Settembre 2014 - 15:03

    SEGUITO>>>Figurarsi,quello mi vide e girò i tacchi ! Testimonianza oculare,questa. Indi,mica c'è da meravigliarsi troppo se si va in tre su un motorino,alle 02,15 di notte>> continua continua : senza casco,manco il guidatore,e non ci si ferma all'alt dei "Nei Secoli Fedele"...

    Report

    Rispondi

  • luigifassone

    12 Settembre 2014 - 15:03

    Inviato digià 10set(23,21:Vi racconto quel che mi successe qualche decina d'anni fa. Imboccai,nel centro di Napoli ove mi recavo spesso per ragioni di lavoro, una strada in senso vietato. Semiterrorizzato perchè scorgevo nei pressi un Vigile Urbano...>> SEGUE

    Report

    Rispondi

  • andresboli

    12 Settembre 2014 - 08:08

    e tutti quelli che hanno testimoniato il contrario? che cosa ne facciamo?

    Report

    Rispondi

  • pietroavino

    11 Settembre 2014 - 18:06

    È un colpo al petto che se partito volontariamente è omicidio volontario se partito accidentalmente è omicidio colposo e sottolinea quindi anche l incompetenza del carabiniere ! O è colposo o è volontario sempre omicidio è quindi ha sbagliato e deve comunque pagare, quella pistola senza conflitto a fuoco o delinquenti armati non doveva proprio essere estratta o messa in condizione di sparare.

    Report

    Rispondi

    • carloattilio

      17 Settembre 2014 - 12:12

      Il duo e' un giudizio Che ignora quello Che dice la legge.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog