Cerca

Lady Renzi

Agnese Renzi: "Sulla riforma della scuola mi confronto con mio marito Matteo"

Agnese Renzi: "Sulla riforma della scuola mi confronto con mio marito Matteo"

Non è riuscita ad ottenere una cattedra ma Agnese Landini è l'ispiratrice della riforma della scuola. Lo ammette in una intervista a Repubblica Lady Renzi: "E' normale che fra marito e moglie ci si parli. Sono un'insegnante precaria da otto anni e Matteo ha sempre conosciuto bene la realtà della scuola italiana, l'ha vissuta con me". 

Insomma, sarebbe stata proprio Agnese a suggerire al presidente del Consiglio le 150mila assuzioni che dovrebbero azzerare le graduatorie dei precari: "Matteo sa", spiega ancora la Landini, "quali sono i punti di forza e di debolezza del mondo dell'istruzione anche attraverso la mia esperienza". Del resto lei, insegnante di italiano e latino nei licei, è da otto anni alla ricerca di una cattedra. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    21 Settembre 2014 - 08:08

    Ma questo accanimento per la scuola ha tutta l'aria di rappresentare sopratutto una necessita famigliare. Sembra la stessa fissazione per la candidatura della Mogherini. Che il Renzi sia un furbastro lo hanno capito anche i sassi che utilizzi il suo potere temporaneo per i fatti suoi è tutta un'altra storia.

    Report

    Rispondi

  • alkhuwarizmi

    20 Settembre 2014 - 13:01

    La deplorevole situazione in cui versa la scuola Italiana aveva proprio bisogno dell'illuminata consulenza di una precaria. Capite perché questa è l'Italia di Renzi-superstar? 150mila precari in più, e L'Italia aveva l'impudenza di accusare la Grecia alla bancarotta di statalismo sfrenato.

    Report

    Rispondi

  • attilaunnoita

    20 Settembre 2014 - 12:12

    Ma che ce ne importa di Agnese??? Si trova in una situazione comune a tantissimi altri. 8 anni da precaria senza cattedra è normalissimo per un'insegnante.Piuttosto, dopo l'assunzione dei 150000 precari non ci sarà posto più per nessuno. Si può dunque dire che si terrà in conto il merito perché, se non si assume nessuno non si scontentano gli amici (già assunti prima, anche se non meritevoli)!

    Report

    Rispondi

  • gianni modena

    20 Settembre 2014 - 11:11

    e renzi che ha dato dirigenza a mezza toscana non ti ha fatto avere una cattedra una qualunque ???

    Report

    Rispondi

    • spadino65

      20 Settembre 2014 - 13:01

      rimpiage i tempi delle Minetti e delle olgettine vero signor Gianni.....

      Report

      Rispondi

      • RaidenB

        21 Settembre 2014 - 14:02

        Se la signora voleva veramente una cattedra il maritino gliela trovava. Ricordo che un tribunale ha stabilito che la vicenda olgettine era tutto frutto della mente bacata e corrotta di giudici corrotti.

        Report

        Rispondi

blog