Cerca

Viale Mazzini

Gubitosi: "Giannini l'ha voluto Vianello"

Gubitosi: "Giannini l'ha voluto Vianello"

Mangerà il panettone, a dirlo con il gergo del football nostrano, ma non la colomba: Luigi Gubitosi, direttore generale Rai, lascerà Viale Mazzini entro Pasqua: "Non posso che lasciare un biglietto a chi verrà, io non ci sarò". In  una lunga intervista-confessione concessa oggi, sabato 20 settembre a Il Fatto Quotidiano il dg approfitta per togliersi pure qualche sassolino nella scarpa: Gannini, Floris, la tv pubblica, gli sprechi, Renzi, il direttore ne ha per tutti.

Massimo Giannini - Seppur con il consueto tono formale da montiano doc (lo volle proprio Mario Monti nel lontano 2012) ci tiene a togliersi d'impiccio fin da subito sulla spinosa querelle Ballarò. "In Rai ci sono 1500 giornalisti, non c'era nessuno che costasse meno del biennale da 900.000 euro di Massimo Giannini?" lo incalza Carlo Tecce de Il Fatto "Io c'entro poco" si divincola subito Gubitosi che scarica il barile al volo: "L'ha deciso il direttore di Rai3 Andrea Vianello". Si resta sul sontuoso contratto di Giannini e sul divario di trattamento offerto al conduttore visti e considerato il taglio del 5-10% ai precari con la partita Iva che non hanno garanzie contrattuali. "Va precisato che Giannini guadagna meno di Floris" è l'unica risposta che si dà il dg, che comunque precisa che la regola del 5/10% sarà stata applicata pure ai 2 milioni di stipendio annui a Bruno Vespa ("certo, certo, ci mancherebbe").

Floris Affaire - Perchè se n'è andato Giovanni Floris? "C'erano dubbi editoriali per la striscia quotidiana su Rai3, gliel'avremmo concessa, però c'era una distanza economica. Andiamo avanti senza rimpianti" ma sul passaggio di consegne a Ballarò rimane qualche dubbio: Giannini non ha entusiasmato (l'11% d i share, considerata la presenza di Roberto Benigni non è un gran risultato) e il direttore generale in qualche modo lo conferma seppur indirettamente "per Rai 3 abbiamo cercato di cambiare senza traumi". E vabbé.

Renzismi -  Per il premier, che ha deciso di non incontrare il il dg di Viale Mazzini, Gubitosi riconosce all'inizio un certo savoir faire, e almeno in prima analisi pare difenderlo  ("Aspetti, aspetti, ha anche aggiunto che fa così per lasciarmi libero") ma poi non rinuncia a una stoccatina e giusto in chiusura sfodera la sciabola precisando che "io l'ho cercato una volta, ma lui non ha accettato l'invito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gielle1

    22 Settembre 2014 - 08:08

    Gubitosi un dg Rai che, quando andrà via, nessuno ne sentirà la mancanza. Personaggio inutile e politicizzato, messo da quel fenomeno di Monti per manovrare poltrone senza meriti ma solo per spartizioni di partiti. Personaggio inutile.

    Report

    Rispondi

  • Happy1937

    21 Settembre 2014 - 10:10

    Dalla foto mi sembrerebbe che Gubitosi vada a buttar via i soldi del canone a Cernobbio da Ambrosetti.

    Report

    Rispondi

  • filder

    20 Settembre 2014 - 19:07

    Un altra dimostrazione che ci convince,che il canone Rai non è altro che una pattumiera dove vanno a finire i soldi di noi poveri onesti pecoroni che buttiamo per mantenere questa banda di ladri e marciume,che in cambio ci vorrebbero offrire le loro schifezze da terzo mondo.Unica soluzione non pagare più questa tassa ladroniggio.

    Report

    Rispondi

  • filder

    20 Settembre 2014 - 19:07

    Vianello chi ! Non sarà per caso il klaun leccapiedi di rai 3 ? Non ho capito ancora chi è il Dg della RAI, è Gubitosi o Vianello? Chi ha assunto questa mezza calzetta che sperpera soldi altrui ingaggiando il nuovo Pappagone a Ballarò? Mi sa tanto che adesso questa banda di incapaci ,fanno scarica barile, incolpandosi a vicenda per non permettere che la verità venga a galla. Tutti 2 fuori dai c..i

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog